Algida, l’azienda dal “cuore senza panna”: pronti 100 licenziamenti ed altrettanti precari

0
6861

CAIVANO – Un’azienda che pubblicizza il gelato dal cuore di panna, ma va a muso duro con gli operai. L’Algida, sita nella zona industriale di Caivano, prevede un piano che porti ad altri 100 licenziamenti ed altrettanti passaggi da fisso a part-time (diventerebbero lavoratori precari a tutti gli effetti, per dirla in parole povere, ndr), i sindacati protestano e proclamano uno sciopero perché rigettano, insieme con i delegati dei dipendenti (Rsu), il piano dell’azienda.

Ma non è solo a questo che la multinazionale olandese Unilever, proprietaria del marchio, punta: si vuole terziarizzare il reparto celle, evidentemente perché costa troppo, dismettere due linee di produzione e riportare tutte le indennità a quanto previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro. Insomma, una chiara volontà che, se passasse, sarebbe l’ennesimo duro colpo per una zona, quella della provincia di Napoli, dove il lavoro è già un miraggio. Questo è quanto comunicato dai sindacati di categoria Flai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil e Ugl, i quali hanno annunciato uno sciopero di mezzora a turno, tuttora in corso, ed il blocco del lavoro straordinario (vedi volantino sotto).

“In realtà – afferma una persona bene informata che, per ovvie ragioni, intende conservare l’anonimato – il vero obiettivo dell’Algida è risparmiare sui costi del reparto celle ed impiegare tutti in attività stagionali perché con le tecnologie attuali riesce a soddisfare le richieste del mercato con solo 8 mesi di produzione all’anno”.

I sindacati hanno ricordato anche che, già a fine 2015, scesero a patti pur di rendere competitivo l’opificio di Caivano. Ma adesso basta, in effetti gli imprenditori, come sempre, chiedono sacrifici sempre agli ultimi, chissà se hanno abbassato il ricco stipendio ai loro manager, se non altro come forma di rispetto verso chi vive di solo stipendio.

“Siamo disponibili a trattare – ribattono i sindacati nel volantino diffuso pubblicamente – ma mai ad accettare richieste piovute dall’alto senza consultarci e comunque lo stabilimento di Caivano deve rimanere al centro del progetto Algida”. Speriamo che l’azienda del cornetto dimostri veramente un cuore di panna senza operare tutti questi tagli drastici, fra l’altro non giustificati dal mercato, altrimenti, almeno secondo quanto dicono i sindacati, si rischia un durissimo braccio di ferro.

Previous articleIncendio tossico, indagato il proprietario del sito di stoccaggio
Next articleDerattizzazione per il 22 e il 23 ottobre su tutto il territorio di Caivano
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here