Ciclismo, sull’85esima edizione della Coppa Caivano una magìa della 23enne Martina Fidanza

0
1435

CAIVANO. E’ stata una grande festa per lo sport campano e del Sud, l’85esima edizione della storica Coppa Caivano, gara di ciclismo internazionale valida quest’anno per la terza ed ultima tappa della settima edizione del Giro della Campania in Rosa.

Una splendida corsa, sulla quale Martina Fidanza, 23enne atleta bergamasca del G.S. Fiamme Oro, ha calato la sua strepitosa magìa, precedendo di una manciata di centesimi di secondo le sue agguerritissime avversarie Sara Fiorin (Team Gauss Fiorini) ed Emanuela Zanetti (Isolmant Premac Vittoria), classificatesi rispettivamente sul secondo e terzo gradino dell’ambitissimo podio.

LA GARA

La forte atleta bergamasca ha ricoperto la distanza di km 84,700 in 2h e 5 minuti alla sostenuta media di 40,658. Il suo è stato uno sprint finale eccezionale, davvero entusiasmante, lanciato a poche centinaia di metri dal traguardo, che le ha consentito di classificarsi anche al secondo posto della classifica generale della settima edizione del Giro della Campania, vinto, invece, da Gaia Realini della Isolmant Premac.

Ai nastri di partenza della prestigiosa kermesse sulle due ruote caivanese (nata nel 1910 ed un anno più giovane del Giro d’Italia), 114 cicliste e le nazionali dell’Ucraina e Uzbekistan.

Tanti applausi per le atlete scese in strada, ma una vera e propria ovazione ha accolto sul traguardo la Fidanza, alla quale è stata assegnata anche la 29esima medaglia d’oro “Ninì Maramaldi”, mentre il 40esimo trofeo “Vincenzo Fusco” è stato appannaggio del team Gauss Fiorin, che ha piazzato ben tre atlete nei primi dieci posti.

Il percorso, adatto alle velociste, è stato allestito su circuito lungo circa 7,700 km, da ripetersi per 11 volte, che fine all’ultimo giro ha visto quasi tutto il gruppo in lizza per il successo.

GLI ORGANIZZATORI

A fare da splendida cornice al maxi evento sportivo, organizzato dall’Usb Caivanese  del presidente Giacinto Russo, dall’Asd Belardo Sport Promotion, con il patrocinio del Comune, ci sono stati migliaia di tifosi, assiepati lungo tutto il percorso.

Starter della corsa lo stesso Russo, il presidente di questa edizione della corsa, Pasquale Ummarino, ed il sindaco Enzo Falco. Responsabili tecnici i veterani Mimmo Costanzo, Franco Chioccarelli e Franco Verrone. Presenti, tra gli altri, anche l’assessore comunale Pierina Ariemma, responsabile dei settori istruzione e sport.

Preziosa, come sempre, per la buona riuscita della manifestazione, l’indispensabile collaborazione di tutti i soci del blasonato sodalizio sportivo dell’USb Caivanese, ubicato sul Corso Umberto I, dove viene allestita anche la partenza e l’arrivo della Coppa Caivano. 

LE DICHIARAZIONI

“E’ stata una splendida vittoria che dedico alla mia squadra e alla mia famiglia, che mi hanno sostenuto fino all’ultima pedalata in questo Giro – commenta Martina (nella foto in alto), al termine della sua fantastica impresa.

Soddisfatti per la buona riuscita del maxi evento sportivo sono il presidente dell’Usb Caivanese Giacinto Russo, il neo patron onorario dell’Asd Promotion, Luigi Eucalipto, il direttore del Giro Salvatore Belardo ed il presidente di questa edizione della Coppa Caivano, Pasquale Ummarino. 

“E’ stata una straordinaria festa per lo sport campano – hanno sottolineato – a testimonianza che la prestigiosa Coppa Caivano è considerata la corsa più importante del Centro Sud”.

LA PROMESSA

“Naturalmente – assicurano gli organizzatori – l’appuntamento per tutti gli sportivi e gli appassionati del ciclismo è per la prossima edizione, che certamente riserverà ancora tante indelebili emozioni”.     

A margine di questo mio articolo sull’85esima edizione della Coppa Caivano, desidero ringraziare il direttore del “Giornale di CaivanoLino Gallo, e la collega Enza Angela Massaro, per le preziose notizie sull’evento e per la straordinaria collaborazione della redazione che ci consente, ogni giorno, di tenere informati i nostri gentili lettori. Grazie.

Previous articleScontro tra moto e auto in via Silvio Pellico
Next article23 maggio 1992 – 23 maggio 2022: La memoria è utile
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here