“Forse Speciali: 100 giorni all’Inferno”: è il libro del soldato Claudio Spinelli che sarà presentato al Campidoglio

0
1545

“Forse Speciali: 100 giorni all’Inferno”. E’ il titolo del libro del soldato Claudio Spinelli (Incursore Forze Speciali Esercito Italiano – 9° Reggimento d’Assalto – Col “Mochin”), che sarà presentato a Roma, mercoledì 8 giugno (ore 16,45), presso la sala Protomoteca del Campidoglio.

A dialogare con l’autore del volume ci saranno, tra gli altri, Paola Vegliantei (presidente nazionale “Accademia della Legalità”), Elisabetta Trenta (ex ministra della Difesa) e Andrea De Priamo (presidente commissione parlamentare Trasparenza).

La presentazione del libro si pone l’obiettivo di far conoscere la storia di un nostro valoroso soldato. E’ questa la chiave giusta da dare ai giovani per far capire il sacrificio, il senso del dovere e l’amore per la propria patria. Non sempre è tutto condiviso ovvio, ma la conoscenza di questa storia e del dolore, oltre alla paura di questi soldati, può offrire uno spiraglio a chi con molta miopia, e forse con troppa facilità, dimentica il grandissimo valore delle Forze Armate italiane.

LE DICHIARAZIONI

 “Mi è stato insegnato che sono le opere fatte da un uomo a farne la sua storia – commenta  il militare-scrittore Spinelli  (nella foto di copertina) – molte volte queste storie non vengono nemmeno narrate e questi uomini rimangono anonimi, pur avendo fatto grandi opere”.

“In qualità di presidente nazionale dell’Accademia della Legalità in Italia e in Europa – sottolinea Vegliantei (nella foto in alto) – sono davvero onorata di poter presentare l’interessante lavoro di Spinelli, un soldato, un incursore del 9° reggimento Col. Moschin Folgore, Forze Speciali. La storia dei nostri soldati – chiosa Vegliantei – va fatta conoscere ed è giusto dare loro la possibilità di poterla rendere pubblica nella maniera pulita con cui la racconta Claudio. Viva sempre le nostre Forze Armate”.

Poi la presidente Vegliantei aggiunge.

“Li hanno chiamati i soldati invisibili delle forze speciali italiane, i commandos tricolore, i migliori corpi del sistema difesa Italia: sono gli uomini scelti della Task Force 45, un’unità di cui pochissimi, finora, hanno sentito parlare. Forse perché le loro operazioni sono sempre segrete. Eppure c’è. Sono quelli che si sono introdotti nei covi dei talebani, quelli che agiscono concretamente contro il terrorismo, quelli le cui operazioni non vengono quasi mai rese note. E neanche i loro caduti. Ma sono la punta della lancia delle nostre forze armate, sono un corpo d’élite. Un corpo di cui dobbiamo andare fieri”.

 

Previous articleApprovato il nuovo calendario scolastico dalla Regione Campania
Next articleMiseria e Nobiltà, lo spettacolo della compagnia teatrale “I Di… Speranza”
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here