IL RICORDO. Premio Giornalistico “Mimmo Ferrara”, la premiazione presso la Sala dei Baroni del Maschio Angioino

0
562

Il Premio Giornalistico Nazionale Mimmo Ferrara giunge quest’anno alla sua sesta edizione. Intitolato alla memoria del giornalista Mimmo Ferrara, il premio si propone di favorire la cultura giornalistica, incoraggiando lo studio in ogni settore e stimolando la capacità di sintesi nell’esposizione, la completezza dell’informazione e la competenza nella divulgazione dei contenuti anche al grande pubblico.

Anche quest’anno – si legge in una nota – il premio giornalistico nazionale Mimmo Ferrara, nato con l’intento di stimolare le “regole sacre” del giornalismo e il rigore nell’esercizio della professione, è riservato a giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti, nei settori della carta stampata, televisione, radio e nuovi media”.

Per la sesta edizione del Premio, su indicazione della famiglia Ferrara e dell’Ordine Regionale dei Giornalisti, verranno presi in esame articoli giornalistici, reportage e servizi radio televisivi e online sulle tematiche dell’innovazione tecnologica e transizione digitale con particolare riferimento al legame tra informazione e cultura digitale.

I giornalisti che intendono partecipare al premio dovranno far pervenire i lavori entro il 10 ottobre 2022, così come specificato dal bando pubblicato sull’apposito sito (www.premiomimmoferrara.it).

LE DICHIARAZIONI

“Saranno selezionati – fa sapere Bianca Ferrara, presidente della giuria tecnica – i lavori di giornalisti che si siano distinti per originalità, per aderenza alla tematica, per approfondimento, nonché per accuratezza nella ricerca e nella documentazione, nella elaborazione dei contenuti e nello stile espositivo”.

LA PREMIAZIONE

La premiazione finale dei vincitori della sesta edizione del Premio Giornalistico Nazionale Mimmo Ferrara si svolgerà sabato 22 ottobre 2022 (ore 9.30), presso la Sala dei Baroni del Castel Nuovo – Maschio Angioino.

Novità dell’edizione 2022 un interessante momento di riflessione con la tavola rotonda dal titolo “Transizione digitale fra etica – intelligenza artificiale e conoscenza umana” con la partecipazione di Paolo Benanti e Derrick de Kerckhove,  intervistati da Maria Pia Rossignaud.

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELETTORALE
Previous articleCICLISMO. Inizia il countdown per la IV edizione della “Granfondo Campania”: attraverserà 28 comuni
Next articleCarabinieri bloccano la fila, in manette un 30enne di Caivano
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here