Il consiglio comunale vota la mozione anticamorra

0
822

In data 20/10/2022, in seconda convocazione, si è riunito il Coniglio Comunale di Caivano per votare, tra i punti, la mozione anticamorra di Italia Viva.

Il Consigliere Comunale Pietro Falco prende la parola affermando che “un elemento fondamentale ed essenziale è rendere ancora più visibile la lotta contro la camorra, estirpare la camorra è l’unica possibilità di sopravvivenza che ha questa città.

Se questa città non decide con forza, con intelligenza di sradicare questo cancro, per i cittadini, per chi ha deciso che i propri figli come me devono crescere in questa città non ci sarà speranza, perché la camorra è un cancro che mangia tutto, è un cancro che consuma, è un cancro che ti lascia morire pian piano”.

L’intervento del Consigliere Falco è apparso essere l’unico intervento di spessore, oltre quello del Sindaco Enzo Falco.
Non vogliamo soffermarci sulle querelle nate durante la discussione tra maggioranza ed opposizione perché non fanno bene al nostro paese e all’immagine del civico consesso, anche se non possiamo notare che sono il frutto dell’imbarazzo di entrambi gli schieramenti dovuto alla presenza di consiglieri che derivano dalla relazione di scioglimento dell’ente.

L’intervento del Sindaco, seppure sempre critico verso la stampa, è stato un elenco di azioni concrete poste in essere contro la camorra, tra cui l’abbattimento di un manufatto abusivo realizzato dalla madre del boss Fucito e quello di un’edicola votiva dedicata ad un’esponente della criminalità organizzata deceduto.

Uno dei dati più importanti che emerge dalla votazione della mozione è che Caivano potrebbe seriamente avere un Commissariato della Polizia di Stato, che rappresenterebbe un ulteriore presidio di legalità che tutti stiamo aspettando.
Reprimere ed educare sono gli unici due obiettivi da raggiungere per stroncare la camorra locale.

Durante la votazione la mozione è stata approvata all’unanimità con la sola assenza durante il consiglio comunale dei consiglieri Palmiero, Pinto e Grande.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here