Il comune stanzia 100 mila euro per moscerini e ratti

0
572

Il comune di Caivano è afflitto da innumerevoli criticità, alcuni sono frutto di scelte politiche scellerate risalenti agli anni 90, come l’istallazione a Pascarola del CDR che di fatto ha cambiato la vocazione del comune di Caivano, da agricolo a industriale-industriale a paese della monnezza.

Stir di Caivano
Stir di Caivano

Infatti nello Stir vengono smaltiti i rifiuti di decine di comuni dell’area metropolitana di Napoli. Disagi permanenti per i cittadini a fronte di un ristoro economico ridicolo, poco più di 600 mila euro all’anno.

Come se non bastasse questo scempio si aggiunge lo sfregio della tratta alta velocità che attraversa il territorio di Caivano senza che ci sia nessuna possibilità per i caivanesi di poter utilizzare la tratta ferroviaria per raggiungere Napoli e altri paesi vicinori.

Grande disagio dei cittadini a fronte di qualche opera pubblica di compensazione che non ha cambiato certo il volto di Caivano.

Agli errori del passato si sono aggiunti quelli più recenti, frutto di inerzia incapacità e dolosa disamministrazione.

Nel 2014-15 è stato vandalizzato e distrutto lo stadio Faraone, nel 2017 sono stati completamente vandalizzati gli impianti sportivi di via Necropoli, nel 2018 sono stati vandalizzati gli impianti sportivi realizzati in via Sant’Arcangelo, mentre nel 2021 è stata vandalizzata la biblioteca comunale di Pascarola e l’annesso parco urbano.

Una parte cospiqua del patrimonio immobiliare comunale è andata persa impedendo ai cittadini di caivano di fruire di spazi per la promozione della cultura, dello sport e tempo libero.

 A questa situazione di degrado va aggiunto l’acronica incapacità della pubblica amministrazione di garantire una efficace manutenzione della rete stradale, della rete fognaria, della manutenzione dei plessi scolastici, del verde pubblico, per non parlare della tutela della salute pubblica minacciata costantemente da fumi tossici e miasmi.

In questa situazione ci si sarebbe aspettato che l’attuale amministrazione del sindaco Falco avesse scelto come priorità quella di riempire le voragini che si sono aperte sulle strade pubbliche, evitare allagamenti, garantire un servizio di pubblica illuminazione decente e sedi scolstiche sicure.

100 mila euro per SERVIZIO DI SANIFICAZIONE E DISINFESTAZIONE

SERVIZIO DI SANIFICAZIONE E DISINFESTAZIONE det_01908_20-12-2022

Invece, l’attuale amministrazione, sembra di aver privilegiato la lotta agli insetti volanti e striscianti e interventi di rattizzazione, compito, secondo l’attuale legislazione sanitaria, delle Asl.

Evidentemente per il comune di Caivano l’Asl non fa abbastanza e quindi è necessario un intervento extra. Una spesa di 100mila euro per sanificare e disinfestare le scuole e aree pubbliche da sciami di insetti volatili, blatte e topi, che si aggirerebbero indisturbati per il paese.

Nella somma impegnata, 100mila euro, sono compresi eventuali interventi di disostruzione delle fogne comunali, compito che già spetta all’attuale ditta di raccolta dei rifiuti che mensilmente percepisce 430mila euro per questo servizio, per la raccolta dei rifiuti e per la cura del verde pubblico e scuole.

Anche in questo caso, evidentemente, per l’amministrazione comunale gli interventi sono insufficienti, a ciò supplisce il comune con ulteriore sborso di denaro pubblico.

questo è quanto accade sotto il cielo della politica locale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here