Dalla metropolitana su ferro alla metropolitana su gomma

0
849

Utilizzando i fondi del PNRR la Città Metropolitana di Napoli ha stanziato la somma di 52 milioni di euro per il finanziare il progetto Smart City Napoli Nord.

Il soggetto attuatore sarà il comune di Cardito, capofila di diversi comuni dell’area nord di Napoli: Acerra, Afragola, Arzano, Caivano, Cardito, Casandrino, Casavatore, Casoria, Crispano, Frattamaggiore, Frattaminore, Grumo Nevano, Melito.

L’importo della somma stanziata è stato così determinato:

€ 27.658.475,01 – Sistemazione aree a verde e smart parking;

€ 10.050.253,35 – Allacciamenti e opera di attrezzaggio elettrico, sistemi di sart charging e infrastrutture necessarie ai software di gestione;

€ 11.432.505,60 – Acquisizione Bus e software di gestione infomobilità;

€ 3.810.835,20 – Spese di gestione per il terzo settore e servizi annessi.

Per un totale di € 52.952.069,16.

L’obiettivo strategico che persegue il progetto è quello di incentivare l’uso di mezzi pubblici a discapito di quelli privati, per un bacino di utenza di oltre 450mila avitanti.

La parte più significativa dello stanziamento nonchè al recupero urbano di 50.000 mq che saranno destinati a parco stanziamento nonchè al recupero di aree a verde degradate.

Il progetto prevede l’acquisto di bus elettrici che provvederanno a collegare i comuni interessati con le stazioni ferroviarie di Frattamaggiore, Afragola e Casoria.

Inoltre tra gli obiettivi del progetto Smart City Napoli Nord è previsto lo stanziamento di 4 milioni di euro per la realizzazione del progetto AS.S.O. che prevede l’istituzione di presidi fissi e mobili per prevenire e/o ridurre difficoltà materiali e sociali che ostacolano l’inclusione sociale, lo sviluppo della persona, il rispetto dei diritti civili, l’accesso al mercato del lavoro, il ripsetto della parità di genere, la tutela della salute e dell’ambiente.

Tutto il progetto e le attività previste dovranno essere concluse entro marzo 2026.

L’articolo de Il Mattino con sindaco Del Gaudio dove si firmava per la metropolitana a Caivano

Tutti i cittadini di Caivano e dei comuni limitrofi si augurano che il progetto venga realizzato nei tempi previsti, ma la notizia per quanto positiva mette in evidenza ancora una volta il fallimento della politica caivanese, che con questo progetto che parte da Cardito, vede probabilmente, tramontare ogni possibilità di avere una stazione della metropolitana.

Negli anni, purtroppo, solo tante e troppe le chiacchiere per i caivanesi, mentre altri paesi ottenevano il risultato tanto agognato. 13 Stazioni quella della metropolitana in costruzione (Cavour, Foria, Carlo III, Ottocalli, Leonardo Bianchi, “Baffo” di Arzano, Di Vittorio, Casavatore San Pietro, Casoria Casavatore, Casoria Centro, Casoria Afragola, Afragola Garibaldi, Afragola Centro, Afragola AV) posizionate ad una inter distanza media di circa 800mt a cui si aggiungono le ulteriori 2 (Arzano Centro e Casavatore Arzano), mentre in un articolo de Il Mattino datato 1990 si leggeva ben altro, e ad oggi non si comprende come Caivano sia fuori da tutto, ma tante responsabilità sono dei politici locali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here