Scoperto dai carabinieri un cimitero di auto rubate a Omomorto

0
4176

IMG-20150826-WA0009di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – Una ventina di carcasse di auto sono state rinvenute dai carabinieri della Tenenza di Caivano in località Omomorto, zona situata alla fine di via Sant’Arcangelo. Gli scheletri delle vetture erano abbandonate proprio ai margini del canale dei Regi Lagni. Tutte le vetture erano state smontate in maniera certosina, pezzo per pezzo, tant’è che i militari sono riusciti ad identificarne solo alcune, risultate rubate in provincia di Caserta. Le indagini proseguono perchè, secondo gli inquirenti, dietro al ritrovamento ci sarebbe sicuramente un’organizzazione di una certa professionalità che commette dei furti anche su commissione per rivendere i ricambi.

Previous articleCaivano: Ecco il video integrale del Consiglio Comunale del 26 agosto
Next articleCastelli aderisce al Partito Socialista Italiano, Ponticelli: è strumentalizzato
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here