Caivano. Algida, ci sono buone notizie, il 7 ottobre nuovo incontro

0
1414

Caivano. E alla fine la schiarita è arrivata. Dopo la raffica di scioperi della scorsa settimana la multinazionale anglo olandese Unilever ha infatti riaperto il tavolo della trattativa sulla procedura di licenziamento avviata per 151 degli 806 lavoratori dell’Algida di Caivano. Azienda e sindacati si rivedranno nello stabilimento dopodomani, mercoledi 7 ottobre, cioè a quindici giorni di distanza dal primo faccia a faccia, che ha avuto un esito interlocutorio.

Nel frattempo la schiarita ha fatto sospendere gli scioperi a singhiozzo proclamati fino a poco fa dalle rsu dell’impianto a causa dell’assenza di dialogo. I sindacati sperano che la Unilver ritiri la procedura di licenziamento. ” Auspichiamo che questo tavolo – fanno sapere Carmine Frannzese ( Flai-Cgil ), Raffaella Bonaguro ( Fai-Cisl ), Maurizio Vitiello ( Uila-Uil ) e Maurizio Figlioli ( Ugl-agroalimentari ) – che si sta riaprendo serva a rendere più competitivo l’impianto e a scongiurare i licenziamenti forzati, trovando anche soluzioni alternative che portino a un esito non traumatico di questa vertenza

ILMATTINO

Previous articleRifiuti e Coppola: scontro fra il funzionario ed il consigliere Emione
Next articleMarcianise, si ribalta rimorchio, grossi rallentamenti
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here