Incendio spento, per fortuna il palazzo era abbandonato, ripristinata la circolazione

0
4273
?????????????

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – Senza conseguenze serie l’incendio che stamattina è avvenuto all’interno di un cortile di un palazzo che affaccia sul corso Umberto. Già ripristinata la normale viabilità, grazie all’intervento dei vigili urbani. Per fortuna lo stabile, di proprietà di una cassa previdenziale, era disabitato (il primo piano è in costruzione, ma fermo da anni). Ad andare a fuoco molte suppellettili abbandonate, sono state necessarie varie autobotti per spegnere le fiamme.

La relazione dei vigili del fuoco stabilirà se l’incendio è di natura dolosa o accidentale. Titolari delle indagini sono i carabinieri della Tenenza di Caivano.

?????????????

?????????????

Incendio Corso Umberto I
Incendio Corso Umberto I
Previous articleAnteprima: Caivano, incendio sul Corso Umberto I
Next articleAd Acerra Biagio Izzo con ‘L’amico del cuore’
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here