Centralina dell’aria pronta, ora i primi rilievi

1
1742
Centralina 1

Caivano – La prima centralina dell’aria dopo i lavori svolti è pronta, sotto le mani e la supervisione dei volontari dell’associazione Apam  (Associazione protezione ambientale e monitoraggio)  per i primi rilevamenti.

I due camion centralina ricevuti dal Comune di Caivano dalla Regione Campania, dopo i lavori sul territorio della Tav, furono prima utilizzati da responsabili dell’ufficio Ambiente, poi date in gestione alla ditta Natura srl. che le ha consegnate in uno stato di degrado.

L’ ufficio ambiente capitanato dal dott. Vito Coppola con l’ausilio dei volontari dell’Apam, in particolare dell’ing. Letizia, il dott. Cecere, la dott.ssa Fusco e l’ing. Marino, ha voluto fortemente il ripristino almeno di una centralina, per iniziare dopo un lungo periodo di inattività il controllo dell’aria che si respira a Caivano, spostando questo camion-centralina in diverse postazioni per verificare le possibili particelle inquinanti sul territorio.

Il mezzo che marciante, con assicurazione valida è pronto per le prime misure e nei prossimi giorni inizierà il nuovo cammino.

La seconda centralina è ferma ai box, necessita di strumentazione e accessori abbastanza costosi che per adesso il Comune non può permettersi, ma l’importante era cominciare.

Previous articleIL NAPOLI E’ INTERNAZIONALE !
Next articleLo spettacolo teatrale di Salvatore Gisonna (Made in Sud) al Premio Charlot 2016
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here