Chiusa a tempo indeterminato l’isola ecologica. Perchè?

0
3143

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – Chiusa a tempo determinato l’isola ecologica di via Rosselli. Come recita il cartello affisso fuori alla struttura “dal 2 gennaio 2017 l’isola ecologica resterà chiusa fino a data da destinarsi”. I cittadini onesti che adesso vorranno liberarsi di rifiuti ingombranti e speciali non sanno dove andare a buttarli. Stamane 7 gennaio, mentre fotografavamo l’avviso nella bacheca, sono giunti in due minuti ben tre vetture che, vedendo l’area sbarrata, hanno fatto marcia indietro. E’ un brutto incentivo chiudere quell’area.

Ma che è successo, di tanto grave presupponiamo, per cui l’ente locale ha preso questa decisione? Nessuna comunicazione ufficiale da parte del Comune e del sindaco Monopoli, sempre pronto a glorificare le sue presunte cose buone fatte per i cittadini su Facebook, che invece, in questi casi, non dice nulla… Non sarà magari colpa sua o solo sua, ma perché non dire la verità subito su quello che sta accadendo? La agognata trasparenza purtroppo rimane solo uno slogan…

Vox Populi dice che la chiusura dell’isola ecologica potrebbe essere una conseguenza dell’ormai “Guerra Fredda” in corso fra il primo cittadino ed il funzionario all’ambiente Vito Coppola, fino pochi mesi fa molto amici, ma è solo una voce e come tale va considerata.

Previous articleAlto impatto dei carabinieri: una donna arrestata e due denunciati tra i caivanesi
Next articleEx campo Rom, cancello divelto. Ora chi paga???
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here