Lello Lucignano di LFA Publisher: “A Caivano, basterebbe davvero poco…”

0
3148
lello lucignano

 

lello lucignano

Caivano è la terra delle eccellenze, nonostante il continuo sopraggiungere di notizie di cronaca nera, i disagi vari, i roghi tossici e la criminalità. Il paese potrà essere terreno fertile di cultura ed opportunità per coloro che amano scrivere e vorrebbero avere un libro pubblicato gratuitamente.

Ho parlato con Lello Lucignano, poeta e scrittore napoletano, che ha dato vita alla LFA Publisher, la casa editrice di Caivano, che ha innovato il sistema editoriale, dando la possibilità a chi resta “inascoltato” di poter pubblicare un’opera autentica, senza alcun investimento da parte dell’autore. Una straordinaria possibilità per chi ama scrivere romanzi o libelli di poesia e vorrebbe veder realizzato il proprio sogno, ma non ne ha le possibilità.

Intervista

Come nasce la LFA Publisher?
La LFA Publisher nasce come agenzia di grafica ed impaginazione, lavorando per anni per importanti CE della Lombardia, poi intuendo che avremmo potuto “camminare da soli” abbiamo creato la branca editoriale con un incipit ben preciso; quello di essere editori completamente free.

Vorrebbe un giorno poter organizzare un seminario a Caivano, coinvolgendo i cittadini che hanno la passione per la scrittura?
Assolutamente sì.

Per scegliere un romanzo, quante volte ci pensa prima di poterlo editare?
Pensi che ogni giorno, poiché la nostra CE è assolutamente free, riceviamo oltre 10 proposte di cui in un mese verranno pubblicati solo 5 o 6 scritti.  Alla base, abbiamo un comitato di lettura che sceglie le opere senza dubbio più belle ed interessanti.

La sua idea di pubblicare interamente le opere dei giovani talenti, senza alcun costo, come l’ha formulata?
Da esperienze personali, in quanto anch’io son passato dalle Forche Caudine della EAP… Per cui, da questa situazione è nata l’esigenza di dare spazio senza contributo a coloro i quali, in caso contrario, non avrebbero mai potuto pubblicare senza contributo.

La citazione dell’autore…

Lapalissiano è che io non sono un filantropo ma debbo guadagnare vendendo i libri negli e-store e nelle librerie.

Lello Lucignano

Il suo autore preferito è…
Se ne scegliessi uno farei torto agli altri 70 pubblicati. Ma mi piace ricordare che alcuni nostri volumi hanno portato grandi collaborazioni come quella con Maurizio de Giovanni, della signora Laura Pace da Genova o piuttosto quello che uscirà a settembre, scritto dalla romana Chiara Ricci su Lilla Brignone, che porterà uno stralcio, tra i tanti, lo scritto dal maestro Andrea Camilleri. A volte penso, con stupore e soddisfazione, che la LFA sia una delle poche, o l’unica, CE d’Italia ad aver avuto i due maestri del giallo che hanno “prestato” la loro penna a nostri autori.

Il rapporto con la città di Caivano

Come vive il rapporto con la città di Caivano?
La mia professione fa sì che il rapporto con la città sia completamente nullo, come se vivessi in un’ enclave. Quando esco, vedo con raccapriccio le brutture di questa città che si materializzano dalle piccole cose; la sporcizia presente sui marciapiedi, la mancanza di un polmone verde,  ed altre cose che non mi rendono felice d’esser qui.

Da contraltare però v’è da dire che ci sono tantissime eccellenze in questa cittadina, infatti i miei grafici sono ragazzi under 25 preparati e motivati proprio di Caivano.

Un messaggio che vorrebbe dare agli studenti e ai genitori di Caivano che ogni giorno investono nella formazione…
Credo che la scuola debba formare i ragazzi per un futuro fatto di cultura e rispetto ma credo -altresì- che la famiglia sia alla base di tutto, i genitori debbono tracciare la via alla buona educazione, basterebbe poco ma guardandomi attorno credo proprio sia difficile.

Come ho detto però basterebbe davvero poco… Bisognerebbe che ragazzi e genitori si confrontassero sull’attualità, sulle problematiche e in modo sinergico cercare di superare gli ostacoli, magari anche il solo fare un giro per la città e capire il perché di tanto degrado, solo parlando e dandosi delle risposte credo ci possa essere un futuro per le nuove generazioni.

Per info:

LFA Publisher 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here