Presi i due della rapina alla Tamoil di Caivano del luglio 2017

0
3171
rapina mano armata
rapina mano armata

Nella mattinata odierna, presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere (CE), i Carabinieri della Stazione di Grazzanise (CE) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal locale Ufficio G.I.P., nei confronti di M. Attilio (39enne) e D. B. Minio (40enne) gravemente indiziati, a vario titolo, del reato di rapina in concorso.
Il provvedimento cautelare giunge all’esito di un’articolata attività d’indagine, diretta dalla Procura di santa Maria Capua Vetere, svolta dai CC della Stazione di Grazzanise dal Luglio al Dicembre 2017, finalizzata al contrasto delle rapine a mano armata commesse ai danni de esercenti di attività commerciali della provincia di Caserta.
L’attività investigativa costituisce la prosecuzione delle tempestive e serrate indagini che hanno già consentito di disporre un decreto di fermo, emesso da questo Ufficio ed eseguito in data 13 luglio 2017 ed eseguire un’ordinanza di custodia cautelare, in data 26 ottobre 2017, nei confronti degli stessi indagati, in quanto ritenuti responsabili della consumazione di complessive 14 rapine.

I riscontri effettuati dai Carabinieri della Stazione di Grazzanise, costituiti dalle dichiarazioni delle parti offese e delle persone informate sui fatti, dall’acquisizione ed analisi delle immagini di video-sorveglianza hanno, infatti, permesso di acquisire un solido quadro indiziario in ordine ad un ulteriore episodio di rapina commesso, in data 7 luglio 2017, nei confronti di un cliente, intento a rifornirsi di carburante presso il distributore di benzina “Tamoil” del Comune di Caivano e costretto, dietro minaccia di pistola, a consegnare agli indagati la somma contante di euro 200,00.
II G.I.P. concordando con la misura coercitiva avanzata da questo ufficio, anche per quanto riguarda la sussistenza di concrete ed attuali esigenze cautelari, ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere per entrambi gli indagati che, pertanto, permarranno ristretti presso la locale Casa Circondariale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here