Emergenza rapine alle farmacie, la denuncia: 24 colpi in un mese. E in città manca la videosorveglianza

0
4728

CAIVANO – Ennesima rapina alle farmacie del territorio, il bancomat preferito dai delinquenti. Oggi pomeriggio classico colpo: alle 16.15 due rapinatori armati e col volto coperto hanno preso di mira di nuovo la farmacia Ambrosiana di via Necropoli, già “visitata” alcuni giorni fa. Tutto dura mezzo minuto con un meccanismo ormai collaudato: entrano pistola in pugno, si fanno consegnare l’incasso e scappano via. La denuncia del proprietario Raffaele Marzano: “ho subito nelle mie due farmacie quattro rapine in soli sei giorni, mentre il settore è stato preso di mira 24 volte in un mese”.

Purtroppo a complicare le indagini delle forze dell’ordine, giunte immediatamente sul posto, c’è la mancanza della videosorveglianza sulle vie del territorio, difatti i rapinatori (2 o al massimo tre persone di giovane età, spesso su un motorino) quando entrano negli esercizi si camuffano sapendo bene che possono essere ripresi dalle telecamere interne. Ma una volta usciti non si riesce a capire dove vanno, quali strade attraversano, da dove vengono (non è detto che siano tutti di Caivano).

“Il problema è che la criminalità è organizzata, noi no”, disse una volta un giudice. Il Comune, retto da commissari nominati da meno di un anno, è in dissesto finanziario ma potrebbe fare uno sforzo per assicurare la videosorveglianza h24, utilissima nelle inchieste, non solo per reati predatori. Proprio grazie a meticolose indagini dei Carabinieri di Caivano (senza supporto della videosorveglianza), un rapinatore solitario di Crispano, che nel 2018 prese di mira varie farmacie, fu arrestato e condannato a 8 anni perchè ritenuto autore di sette rapine. La videosorveglianza, che attualmente ha un costo abbastanza irrisorio, rappresenterebbe un deterrente e darebbe un grosso aiuto alle indagini.

Previous articlePiano per il Lavoro: prorogati i termini per aderire
Next articleSi incendia un’auto, parte del corso Umberto chiuso per un’ora
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here