Colpi di scena e dubbi al camposanto per i servizi cimiteriali

0
1950

Una delle maggiori criticità per l’amministrazione del sindaco Falco è certamente rappresentata dalla gestione dei servizi cimiteriali. La mancanza di personale e la complicata vicenda della gestione del servizio delle lampade votive hanno di fatto creato non pochi disservizi ai cittadini i cui cari riposano nel pio luogo.

Per superare queste problematiche l’amministrazione comunale ha approvato in consiglio comunale un atto di indirizzo con il quale viene demandato al responsabile dei lavori pubblici di predisporre tutti gli atti per l’approvazione di un global service, cioè un soggetto a cui affidare tutta la gestione del cimitero comunale compreso la gestione degli impianti elettrici, del verde e delle varie fasi di estumulazione, esumazione ecc.

Il progetto global service dovrebbe decollare entro il 30 ottobre del corrente anno.

Nel frattempo che gli atti propedeutici all’espletamento della gara che dovranno poi, essere portati all’attenzione del consiglio comunale, una nuova tegola cade sul capo dell’amministrazione comunale.

La ditta che si era aggiudicato l’appalto per i vari servizi cimiteriali per un importo di 13.519 oltre iva ha comunicato con nota del 15 aprile la propria impossibilità di assicurare nell’immediato la gestione del servizio a causa di nuove commesse subentrate.

All’amministrazione comunale non è restato altro che prendere atto della nota della ditta Notaro Group Service e revocare l’affidamento.

servizi cimiteriali determinazione 00476_20-04-2021

Alla ditta Notaro è subentrata la società Itechnosystem srl con sede a Casoria che si è dichiarata disponibile ad eseguire il servizio per la somma di € 16.744,50 incluso IVA.

La ditta è stata individuata attraverso il sistema Mepa, ma stranamente non è tra quelle invitate nel primo esperimento di gara.

Ieri al primo giorno di lavoro presso il cimitero di Caivano sono emerse delle perplessità, pare che le ditte incaricate a questi servizi cimiteriali hanno obbligo di avere tra gli assunti 4 operai a tempo indeterminato di cui un custode cimiteriale e 3 operatori, oltre ad avere una propria strumentazione come trabattello e sollevatore. Inoltre la regione Campania chiede la qualificazione e specializzazione del personale dipendente assunto secondo i corsi di specializzazione istituiti dalla regione. In più i dipendenti devono essere iscritti nei registri regionali; vedi che anche il regolamento comunale (uguale per tutti i comuni della Campania)

Alcuni addetti ai lavori hanno solo visto un dipendente (pare assunto nelle ultime ore) e un ex Lsu di Caivano, che secondo testimonianze pare essere in pensione e chiamato come volontario. Questa mattina al secondo giorno di lavoro per questa azienda il cimitero è stato chiuso per Covid, mentre si infittisce il dubbio su questa scelta.

Da alcune ultime ricerche si evince che questa ditta nata nel 2018 per lavori elettrici, abbia aggiunto alcuni servizi cimiteriali nel gennaio di quest’anno, ma non si evince bene quali.

Nei prossimi giorni ne sapremo di più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here