UNIVERSITA’. Al Suor Orsola Benincasa nasce un nuovo percorso di formazione per l’umanista digitale con due indirizzi: materie letterarie e beni culturali

0
819

Ancora novità per gli studenti sul fronte universitario. Venerdì 8 Luglio 2022 (ore 12)   all’ateneo “Suor Orsola Benincasa” di Napoli  sarà presentato il primo corso di laurea magistrale in Campania in “Digital Humanities” (diretta streaming su www.facebook.com/unisob). Interverranno, tra gli altri, anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Digital Humanities: ecco i docenti 5.0 per la Smart School

“Se la Scuola e i Musei stanno diventando sempre più votati all’innovazione digitale servono con urgenza nuove figure professionali specificamente preparate per questa rivoluzione smart”. Così Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, presenta l’ultima “creatura” accademica dell’ateneo napoletano: il nuovo corso di laurea magistrale LM-43 in “Digital humanities per le materie letterarie e i beni culturali”.

Dunque, trent’anni dopo essere stato il primo ateneo italiano a varare un corso di laurea specificamente dedicato alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio culturale il Suor Orsola, la più antica libera Università italiana, lancia una nuova sfida di alta formazione fortemente innovativa calibrata sulle future esigenze del mercato del lavoro così come aveva già fatto nel 2016, solo per citare un esempio, con il primo corso di laurea in Italia dedicato alla green economy.

La presentazione del nuovo corso di laurea magistrale in “Digital humanities per le materie letterarie e i beni culturali” si svolgerà nella Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa.  Una presentazione che sarà preceduta da una riflessione dedicata al tema “L’umanista digitale per la smart school e per il sistema produttivo”, nella quale, con il coordinamento di Antonio Polito, si confronteranno, insieme con il Ministro Bianchi, il Rettore del Suor Orsola, Lucio d’Alessandro, il direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche del Suor Orsola Paola Villani e Alberto Melloni, chief scientific advisor della Commissione Europea.

La formazione dei docenti 5.0 e dei nuovi professionisti dei beni culturali: tutte le novità del corso di laurea magistrale in Digital Humanities riservato a 120 studenti

“Articolato in due distinti curricula (Beni culturali e Materie letterarie), il percorso accademico del nuovo corso di laurea magistrale in Digital Humanities è finalizzato alla formazione di laureati in discipline umanistiche studiate e valorizzate con l’aiuto delle ICT- Information and Communication Technologies e permetterà l’acquisizione di saperi e competenze di grande innovazione: dal data mining ai 3D renderings, fino alle tecniche di Historical GIS, solo per fare alcuni esempi”.

LE DICHIARAZIONI

Così Paola Villani, direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche del Suor Orsola (che ha sede nel Complesso di Santa Caterina da Siena nel cuore del centro storico di Napoli) sintetizza gli obiettivi formativi e i numerosi sbocchi occupazionali del nuovo corso.

 “Il corso – sottolinea la docente universitaria – si rivolge in particolare alla formazione di operatori dei beni culturali, beni librari, esperti nelle scienze del testo, insegnanti di materie letterarie o storia dell’arte, ricercatori, ma anche consulenti, liberi professionisti e professionisti per aziende. In particolare il percorso Materie letterarie darà ampio spazio a metodi e strumenti di ricerca e formazione per i docenti 5.0, insegnanti e animatori digitali richiesti nella cosiddetta smart school”.

 Didattica dell’italiano con i new media, linguistica computazionale, narratologia, valorizzazione digitale del patrimonio museale, storytelling per i beni culturali: l’elenco di alcuni dei nuovi insegnamenti (già presente sul sito web www.unisob.na.it insieme con il modulo per le immatricolazioni) racconta l’inclinazione formativa del nuovo corso di laurea che sarà aperto soltanto a 120 studenti. Un numero programmatico che garantisce il vero ‘marchio di fabbrica’ dell’Università Suor Orsola Benincasa: la “cura” del singolo studente grazie ad un rapporto docenti/alunni di 1 a 25 (praticamente come a scuola) che spiega i ‘numeri’ (fonte AlmaLaurea 2022) che vedono l’Ateneo napoletano tra i primi in Italia per percentuale di laureati in corso (+15,5% rispetto alla media nazionale) ed efficacia della laurea (+15,2% rispetto alla media nazionale).

 “Per l’Università Suor Orsola Benincasa questo nuovo corso – evidenzia il Rettore Lucio d’Alessandro – rappresenta l’approdo di oltre un quindicennio di ricerca e di didattica innovativa su tutti i temi che intersecano le scienze umane e le nuove tecnologie, condotte nel Centro interdipartimentale di ricerca “Scienza Nuova” e innovate dai nostri migliori giovani nel Dottorato di ricerca in Humanities and Technologies, che, giunto ormai al suo decimo ciclo, vanta il 100% di placement altamente qualificato, in Italia e all’estero”.

Come chiarisce il Rettore “ormai non è più il tempo di una informatica umanistica, dove la novità era l’applicazione delle tecnologie digitali alle scienze umane, con una declinazione spesso funzionale, operativa, ancillare, ma è il tempo, non più differibile, della necessità di formare una solida e poliedrica figura di nuovo umanista capace di interrogarsi su cosa comporti l’era del digitale, anche per la formazione delle nuove generazioni”.

Info: www.unisob.na.it/digitalhumanities

 

 

Previous articleIncendio deposito automezzi, nuovi dati sulla qualità dell’aria
Next articleIl comune diffida la Dim Park per la gestione delle aree di sosta a pagamento
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here