“L’Eco di Aversa”: è il nuovo libro del giudice Giuseppe Scellini, che racconta un viaggio nell’Italia post-unitaria

0
507

L’Eco di Aversa”. E’ il nuovo libro del giudice Giuseppe Scellini. Un viaggio nella storia Aversana, attraverso il ruolo del quotidiano “L’Eco di Aversa” nell’Italia post-unitaria.

Il Giornale fu diretto dallo storico Gaetano Parente, primo cittadino aversano, con lo scopo di comunicare ai concittadini le esigenze quotidiane del tempo, perciò rese note all’intero territorio campano e, invero, conosciute finanche a livello nazionale.

Il testo è un attento esame del contesto dell’epoca, perché quella aversana era una Comunità ben integrata, seppur con problemi che sapevano del retaggio di una Italia pre-risorgimentale, figlia di un’amministrazione di stampo borbonico che vi impresse il suo segno negativo, lasciando la cittadina nel più totale degrado e malcostume.

Vi è anche l’analisi del Calendario Storico Aversano e degli avvenimenti in esso indicati, tra cui “i terremoti del 1349 e 1694, l’arrivo di Garibaldi e i natali di personaggi illustri, quali Ludovico Abenavolo, Giovan Battista Basile, Domenico Cimarosa, Francesco Durante…”.

E, ancora, poesie, che mettono in evidenza il ruolo degli intellettuali in un periodo così arduo.

Giuseppe Scellini, dottore in diritto civile e diritto canonico, attualmente, Giudice presso il Tribunale Ecclesiastico Regionale e di Appello di Benevento, è un fine cultore della storia che giudica maestra di vita e lezione formativa per l’uomo. Con questo ultimo suo lavoro prosegue nel viaggio della conoscenza dell’uomo attraverso luoghi persone e personaggi della Storia e del vivere civile.

Il volume di Scellini è stato presentato ad Aversa, presso l’Abbazia di San Lorenzo ad Septimum, alla presenza di S.E. Mons. Angelo Spinillo, vescovo di Aversa, S.E. Mons.Carlo Villano, vescovo di Pozzuoli e Mons. Ernesto Rascato con un pubblico attento e partecipe.

 

 

 

 

Previous articleCaos alla scuola Rodari di Pascarola, segnaletica non rispettata e ingorghi continui
Next articleLe ricette di Alifrost: la cassata siciliana
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here