Anteprima nazionale della presentazione del libro “Elena Croce e Lo Spettatore Italiano: una vocazione per la civiltà”

0
461

All’Università “Suor Orsola Benincasa” in anteprima nazionale la presentazione del volume di Emanuela Bufacchi, dal titolo “Elena Croce e Lo Spettatore Italiano: una vocazione per la civiltà”.

Il libro di Bufacchi, professore associato di Letteratura italiana all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, sarà presentato, in anteprima nazionale, mercoledì 15 marzo 2023, alle ore 16 (anche in diretta streaming su www.facebook.com/unisob), proprio nella Biblioteca Pagliara del Suor Orsola con l’intervento introduttivo del Rettore, Lucio d’Alessandro.

E’ un testo che ricostruisce la battaglia culturale di Elena Croce (con Raimondo Craveri nella foto copertina del libro di Emanuela Bufacchi), una delle intellettuali italiane più raffinate del Dopoguerra. Interverranno i figli di Elena Croce, Piero e Benedetta Craveri.

L’italianista Emanuela Bufacchi con il suo ultimo libro “Elena Croce e Lo Spettatore Italiano: una vocazione per la civiltà” (Rubettino Editore), realizza uno spaccato della temperie culturale nell’Italia del dopoguerra attraverso la storia di una delle intellettuali più vivaci della seconda metà del XX secolo: Elena Croce.

Nata a Napoli nel 1915, figlia primogenita di Benedetto Croce, Elena è stata, come scrive la Bufacchi, “scrittrice dallo stile riconoscibile, traduttrice raffinata, studiosa originale di momenti e protagonisti della tradizione europea, ma anche saggista acutissima che analizzò tra i primi la fenomenologia del Moderno, fra critica e antropologia”.

A discutere con l’autrice ci saranno Emma Giammattei (professore emerito di Letteratura italiana al Suor Orsola), Paola Villani, direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Ateneo napoletano, e i due figli di Elena Croce: Benedetta Craveri, professore straordinario di Letteratura francese al Suor Orsola e Piero Craveri, presidente della Fondazione Biblioteca Benedetto Croce e dell’Ente Morale Suor Orsola Benincasa.

Il libro di Bufacchi, grande esperta di esegesi dantesca e attenta studiosa della scrittura delle donne (in particolare di Matilde Serao) e della ridefinizione dei canoni letterari, attraverso la figura di Elena Croce ricostruisce l’itinerario intellettuale della fervida stagione dello «Lo Spettatore italiano» (1948-1956), il mensile progettato dalla Croce, insieme con il marito Raimondo Craveri, con lo scopo di costituire un circolo di scrittori, critici, teorici, impegnati nello sforzo comune del cambiamento culturale e politico.

“Fondato a Roma nel gennaio del 1948 con l’intento di dar vita a una rivista mensile sul modello dell’Economist – ricorda la Bufacchi – “Lo Spettatore Italiano” rivestì, al di là degli obiettivi politici, condotti in opposizione alla maggioranza di Governo, una funzione d’indirizzo, ispirata dal fermo intento di avviare una riforma culturale che potesse riuscire decisiva per le sorti dell’Italia di quel tempo”.

Elena Croce ne avrebbe assunto la direzione nel 1954, ma fin dalla fondazione, come scrive la Bufacchi, “vi inaugurò la sua “battaglia per la cultura”, intesa come intervento contro il conformismo di massa e quindi come formazione di individualità, unico presupposto di una nuova classe dirigente”.

Di questa incisiva azione culturale nel libro, realizzato con il sostegno della Fondazione Biblioteca Benedetto Croce, si dà conto anche con una selezione di scritti, proposta insieme agli indici completi della rivista: ne risulta, a testimonianza immediata, la schiera di collaboratori di spicco, da Leo Spitzer a Elémire Zolla da Sergio Solmi a Pietro Citati e la variegata ricchezza delle tematiche caratterizzanti.

Programma completo della presentazione su: www.unisob.na.it/eventi

 

Previous articleConvocato il Consiglio Comunale: tra i punti l’interrogazione sull’audio del Consigliere Ponticelli
Next articleServizi cimiteriali, arriva una ditta di Castel di Sangro
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here