La “lezione” sempre attuale di Giorgio Gaber

0
467

Al Suor Orsola Benincasa la prima tappa accademica del viaggio culturale della Fondazione Gaber nelle Università italiane per celebrare il ventennale dalla scomparsa del Signor G.

Dopo Milano, la sua città natale, è Napoli la seconda tappa del “viaggio culturale” ideato dalla Fondazione Gaber nell’anno delle celebrazioni del ventennale dalla scomparsa di Giorgio Gaber (Montemagno di Camaiore, 1 gennaio 2003), uno degli artisti italiani più poliedrici del Novecento.

Cantautore, commediografo, attore, cabarettista, chitarrista e regista teatrale, il Signor G, così come era unanimemente conosciuto, con Napoli aveva un legame speciale tanto da avervi rappresentato tutti i suoi spettacoli teatrali con 149 repliche complessive. Ecco che allora, dopo la bellissima serata nel suo nome con la quale il Teatro Diana ha celebrato anche i suoi 90 anni di attività, sarà proprio Napoli la prima tappa di un ‘viaggio accademico’ nelle Università italiane che la Fondazione Giorgio Gaber ha ideato con l’obiettivo di avvicinarlo sempre di più alle nuove generazioni che per ragioni anagrafiche non l’hanno potuto conoscere.

L’iniziativa si svolgerà venerdì 17 marzo 2023, alle ore 11 (con ingresso libero ed aperto al pubblico),  nella Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa, l’Ateneo napoletano sede del più grande Polo della comunicazione del Mezzogiorno che con i suoi corsi di laurea ed i suoi Master nei settori del cinema, del giornalismo, della radiofonia, del teatro e della televisione rappresenta l’ideale declinazione di una formazione quanto mai poliedrica nelle scienze dello spettacolo, decisamente affine alla lunga carriera di Giorgo Gaber.

“Siamo onorati di iniziare questo viaggio in ricordo di Giorgio Gaber nelle Università italiane da un centro accademico di così grande prestigio. I tre poli fondamentali nella carriera di Giorgio Gaber sono sempre stati Milano, Roma e Napoli e siamo certi di trovare anche nel pubblico più giovane di questa città quello stesso entusiasmo, quell’intelligenza e quella partecipazione che Napoli ha sempre avuto nei confronti del Signor G.”.

Così Paolo Dal Bon, presidente della Fondazione Giorgio Gaber, traccia gli obiettivi dell’incontro al Suor Orsola (che sarà trasmesso anche in diretta streaming su www.facebook.com/giorgiogaberofficial e su www.facebook.com/unisob) ed al quale prenderà parte insieme con il Rettore, Lucio d’Alessandro, l’attore Francesco Centorame, il professor Augusto Sainati, docente di Storia del cinema al Suor Orsola e il nipote di Giorgio Gaber, Lorenzo Luporini, il principale divulgatore tra i giovani dell’opera del nonno.

A Francesco Centorame, giovane talento del cinema e del teatro italiano, spetterà il compito di “vivificare” con letture e performance l’attualità dei testi del signor G.

Programma completo dell’evento su www.unisob.na.it/eventi

 

 

Previous articleServizi cimiteriali, arriva una ditta di Castel di Sangro
Next articleSottrarre all’oblio e riportare nel cuore S.E. Mons. Andrea Mugione
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here