La gioia per il Napoli cancella il significato della panchina rossa

0
851

L’entusiasmo per il traguardo sportivo che il Napoli sta raggiungendo, con largo anticipo, ha fatto registrare in tutta la Campania delle dimostrazioni troppo colorite, come già accadde negli anni’ 80. Dipingere, per non dire imbrattare, parti dell’arredo urbano di una città spesso non è né etico né bello, perché si vanno a deturpare luoghi, monumenti della stessa. 

Nel caso di Caivano, non è stato fatto nessun “raid distruttivo”, ma dipingere di bianco ed azzurro la panchina rossa di piazza I Maggio non ha ottenuto l’effetto sperato, e ha solo cancellato il simbolo per cui è stata creata.

Panchina rossa, com’era…

La panchina fu installata dal Comune di Caivano, due anni fa, per ricordare la lotta contro la violenza sulle donne. Per mesi è stata fotografata e postata sui social ed è stata apprezzata dalla comunità di Caivano, vissuta come un momento per ricordare tutte le vittime di femminicidio, ma a quanto pare la mania ha superato anche questo simbolismo ed è diventata la panchina del Napoli dipinta di bianco ed azzurro, perdendo la bellezza originaria.

Da qui ai prossimi mesi, speriamo che questa passione per il calcio non si trasformi in qualcosa di poco ragionevole e sensato per i nostri concittadini, come ad esempio, praticare atti di vero “vandalismo”. Ci auguriamo, infine, che la panchina ritorni al suo stato originale. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here