All’ospedale “Cardarelli” effettuata una biopsia tra i due polmoni (al mediastino), usando la capacità adesiva del freddo  

0
1164

All’ospedale Cardarelli di Napoli il reparto di Pneumologia Interventistica diretto dal dottor Giuseppe Failla ha effettuato tra i primissimi in Italia la Criobiopsia Mediastinica Transbronchiale. Si tratta di una tecnica che permette di effettuare biopsie al mediastino (lo spazio mediano della cavità toracica che è compreso tra i due polmoni), senza dover aprire il torace del paziente al solo scopo di prelevare un campione utile per la diagnosi.

Per effettuare questo tipo di biopsia si infila per via endoscopica, attraverso il cavo orale e la trachea, una speciale sonda che viene indirizzata fino al mediastino e la cui punta viene congelata a -20° celsius così da provocare l’effetto adesivo sui tessuti con cui entra in contatto.

I campioni così prelevati risultano essere di ottima qualità, tali da soddisfare ogni esigenza diagnostica e il paziente può tornare a casa dopo poche ore. Questa tecnica è stata introdotta al Cardarelli grazie alla collaborazione del reparto di Pneumologia Interventistica diretto da Giuseppe Failla con i colleghi spagnoli Miguel Angel Ariza Prota e Javier Pérez Pallarés della università di Asturia.

LE DICHIARAZIONI

 “Ringrazio il dottor Failla e la sua equipe per aver introdotto tra i primissimi in Italia questa tecnica diagnostica mini-invasiva – commenta Antonio d’Amore, direttore generale del Cardarelli  sappiamo che il tumore del polmone è una delle patologie oncologiche più diffuse nel nostro Paese e l’introduzione di una tecnica come questa ci permette di aumentare qualitativamente e quantitativamente l’assistenza, evitando interventi chirurgici, dettati dalla sola esigenza diagnostica. Questa nuova tecnica è la prova che la competenza e l’innovazione sono la chiave per garantire migliore assistenza ai pazienti e più efficienza nella gestione” 

In base alla rete dati della Associazione Italiana Registri Tumore, nel nostro Paese nel corso della vita un uomo su 10 e una donna su 35 possono sviluppare un tumore del polmone, mentre un uomo su 11 e una donna su 45 rischiano di morire a causa della malattia.

“La collaborazione coi colleghi spagnoli ci ha permesso di introdurre nel nostro reparto la tecnica della Criobiopsia Mediastinica Transbronchiale – spiega Giuseppe Failla, direttore dell’Unità Operativa Complessa Pneumologia Interventistica del Cardarelli  – tutta la nostra equipe ha collaborato con entusiasmo nel fare propria questa metodologia che sta conoscendo una sempre maggiore espansione in Europa per la diagnosi del tumore del polmone o di malattie benigne del torace”  

L’UOC Pneumologia Interventistica è riferimento regionale ed extra regionale per l’Italia meridionale per la diagnostica polmonare ecoendoscopica EBUS, per la broncoscopia rigida operativa e per il trattamento mininvasivo dell’enfisema polmonare con iperinflazione.

 

Previous articleNuovo punto di fermata al Parco Verde per la linea 21 Napoli-Aversa
Next articleDivieto di transito ai fujenti. Arriva l’ordinanza del sindaco
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here