Caivano, don Patriciello al governatore De Luca: “Qui non occorre un esercito, ma servono insegnanti”

1
1729

Qui non servirà un’altra Compagnia di carabinieri, ma servirà un esercito di insegnanti elementari e di assistenti sociali”.

Ha le idee chiare don Maurizio Patriciello, parroco della chiesa di San Paolo Apostolo del Parco Verde di Caivano, commentando così le dichiarazioni del presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha parlato della necessità di uno stato di assedio militare a Caivano.

Poi don Patriciello aggiunge. “I carabinieri della Compagnia dell’Arma di Caivano, agli ordini del capitano Antonio Maria Cavallo, in un anno hanno svolto un eccellente lavoro, eseguendo, tra l’altro, oltre 200 arresti e numerosi sequestri di sostanze stupefacenti, garantendo anche maggior sicurezza sul territorio”.

Se ci sono donne che non sono in grado di educare i propri figli – prosegue don Maurizio – lo Stato deve supportare le famiglie. Questo quartiere, realizzato dopo il terremoto del 1980, porta con sè tutte le criticità di un quartiere nato come un fungo, dove sono state ammassate le famiglie più’ povere dei quartieri più poveri di Napoli. Ed è normale che nasca un ghetto, che poi è stato lasciato abbandonato a se stesso“.

Intanto giovedì 31 agosto, alle ore 10, arriverà nel Parco verde la Premier Giorgia Meloni, per incontrare don Maurizio.

La Presidente del Consiglio dei Ministri, dopo la triste vicenda dello stupro delle due bambine, consumatosi nel centro polisportivo della “Delphinia” di via Necropoli, ha accettato l’invito di don Maurizio di recarsi sul posto con la promessa che la sua presenza non sarà “una passerella”: “ci saranno, invece, misure di intervento per il ripristino del centro sportivo e per la sicurezza del territorio”. Naturalmente, staremo a vedere!

Le dichiarazioni di De Luca sul nostro canale Tik Tok:

https://www.tiktok.com/@ilgiornaledicaivano/video/7272761367248014624?_r=1&_t=8fGVLNLhyM4

Previous articleGiorgia Meloni domani a Caivano da Padre Maurizio Patriciello
Next articleCaivano, Parco verde: riunione operativa in Regione
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

1 COMMENT

  1. …….dei 200 arresti fatti dagli eccellenti carabinieri, quanti ne sono quelli rinchiusi nelle patrie galere? Questo e’ il problema

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here