LA SVOLTA. L’intelligenza artificiale aiuta i medici a valutare se operare il tumore al pancreas: presentato il percorso sperimentale dell’ospedale Cardarelli e del dipartimento di Informatica della Federico II

0
494

L’intelligenza artificiale può interpretare le immagini TAC del pancreas, vedendo un tumore duttale che il radiologo può non riuscire a diagnosticare, perché troppo piccolo. È questo il principio guida del progetto di sperimentazione in corso all’Ospedale Cardarelli di Napoli, sviluppato insieme al Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II“.

Il carcinoma duttale del pancreas ad oggi in Italia registra circa 14.300 nuove diagnosi e presenta un’aspettativa di vita estremamente esigua, se confrontata con altre patologie oncologiche. Difatti solo il 3% dei pazienti sopravvive alla malattia a 10 anni dall’esordio e molti pazienti sono inoperabili già quando sviluppano i sintomi.

Il progetto è stato presentato nel corso del Convegno per i 25 anni della Federazione Italiana Aziende Sanitarie ed Ospedaliere (FIASO) in corso a Roma in questi giorni. Nello stesso contesto l’Ospedale Cardarelli ha presentato altri tre diverse esperienze di alto rilievo: il protocollo innovativo per il trattamento farmacologico dell’ICTUS già nella fase diagnostica, realizzato dalla UOC di Neurologia; il monitoraggio ospedale-territorio della Broncopneumopatia, realizzato dalla UOC di Pneuomologia; il miglioramento dell’efficienza nel trattamento dei pazienti, realizzato dall’UOC di Neurochirurgia.

L’esame TAC consente una diagnosi accurata del carcinoma duttale del pancreas ed è la metodica diagnostica indicata nel sospetto clinico di questa patologia. Purtroppo anche con l’utilizzo di apparecchiature TC di ultima generazione, nel 27% dei casi le neoplasie di dimensioni inferiori a 2 centimetri possono non essere correttamente diagnosticate.

Con l’obiettivo di migliorare la performance della metodica in questo ambito, ai fini della individuazione precoce del cancro pancreatico, i Radiologi del Cardarelli hanno elaborato un algoritmo di lettura delle immagini TAC, sottoponendo un gran numero di esami TAC del pancreas all’intelligenza artificiale. Il risultato è in corso di valutazione da parte degli Ingegneri e dell’Equipe Radiologica, ma i primi dati appaiono estremamente promettenti.

L’inserimento dell’intelligenza artificiale in questo ambito diventerà a nostro parere fondamentale per fornire con maggiore sicurezza ai Chirurghi le informazioni necessarie sull’effettuabilità dell’intervento chirurgico.

LE DICHIARAZIONI

 “Ci sono molte sperimentazioni in corso in questi anni sull’applicazione dell’Intelligenza Artificiale nella diagnostica per immagini – sottolinea Luigia Romano, direttore dell’UOC Radiologia Generale e di Pronto Soccorso del Cardarelli – la grandissima esperienza diagnostica della nostra Unità Operativa ha fatto nascere la partnership con il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione dell’Università Federico II, con l’obiettivo di migliorare la nostra capacità di fornire risposte ai cittadini. I primi riscontri ci sembrano estremamente interessanti e promettenti e già oggi l’intelligenza artificiale ci permette di fornire valutazioni innovative rispetto a quelle tradizionali”. 

“Ringrazio tutti coloro che al Cardarelli portano avanti il proprio lavoro trovando soluzioni innovative utili a migliorare la qualità dell’assistenza – commenta Antonio d’Amore, Direttore Generale dell’AORN Cardarelli e Vice Presidente FIASO – le competenze e le capacità dei nostri professionisti sono tali da essere di esempio per altre realtà ospedaliere italiane ed internazionali. Abbiamo necessità di moltiplicare queste occasioni di confronto per rivendicare la qualità della sanità campana e rafforzare la nostra capacità innovativa, indispensabile per migliorare l’assistenza”.

 

Previous articleMinistro dell’Università Bernini: “Caivano, l’impegno del governo c’è”
Next articleLa dott.ssa Lucia Rea nuovo sovraordinato al comune di Caivano
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here