Caivano al collasso, urge ditta per la manutenzione

0
962

Gli scandali cittadini hanno letteralmente paralizzato la cittadina a nord di Napoli. La collusione tra politica e camorra con il susseguente arresto, oltre per politici, tecnici e camorristi, anche per diversi titolari di ditte caivanesi, colpevoli di aver alimentato un vizioso circolo di  mazzette, proprio per lavori di manutenzione idrica e stradale, ha definitivamente bloccato la macchina comunale.

L’impasse del momento ha bloccato il settore dei lavori pubblici e manutenzione, anche perchè il segretario generale (che ne ha preso la responsabilità), ha con difficoltà preso ulteriori decisioni dopo la scelta di lasciare Caivano per Visciano.

La triade commissariale giunta dopo lo scioglimento per infiltrazioni camorristiche e gli ulteriori quattro sovraordinati non hanno ancora dato un segno tangibile alla cittadinanza e alla collettività che lamenta quotidianamente disservizi di ogni tipo.

auto con ruote forate in buca a via Sannitica

Oltra alla vicenda delle strade non ancora asfaltate, presenti nella lista di quelle finanziate dal governo dopo il dissesto del 2017, Caivano vive il dramma delle perdite idriche che non trovano riparazione immediata, per non parlare delle buche stradali che stanno causando grande disagio.

Negli anni non vi è stata una gara per l’individuazione di una ditta che potesse in un medio/lungo periodo effettuare i lavori sul territorio comunale di manutenzione e si è solo pensato a fare affidamenti diretti a ditte locali e determine di somme urgenza.

Ora, dopo aver atteso oltre tre giorni per una grande perdita idrica a via Necropoli si attende da nove giorni un nuovo intervento a via Scotta con uno spreco d’acqua ingente. Ma sono almeno altre dieci le perdite idriche denunciate sul territorio, una addirittura nei pressi del cancello della casa comunale.

La cittadinanza attende risposte immediate e se il momento non permette ai commissari di intervenire con prontezza si potrebbe chiedere, come avvenuto con le strutture abbandonate di via Necropoli, l’ex Delphinia e Caivano Arte, l’intervento del commissario straordinario Fabio Ciciliano che in breve tempo è intervenuto con risultati eccezionali.

Caivano, ora ha bisogno, di essere ‘accompagnata’ alla normalità e necessita di tutor con grande esperienza e potere decisionale per ridurre la burocrazia e dare interventi immediati alla cittadinanza.

Previous articleInperoso Tour tra i vincitori di MSC All Stars of the Sea 2023
Next article31 assunzioni a Caivano, ecco i due bandi
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here