Unione Industriali Napoli all’acetificio De Nigris. Il presidente: “Siamo con Patriciello”

0
635

Il primo incontro del raggruppamento Asi di Caivano di Unione Industriali Napoli si è tenuto presso l’Acetificio De Nigris. A presenziare, il presidente dell’Unione Industriali Napoli, Costanzo Jannotti Pecci, che ha visto l’insediamento ufficiale del neo eletto presidente zonale Armando de Nigris oltre alla partecipazione di oltre trenta aziende operanti nella zona industriale Asi di Caivano.

“L’Unione Industriali – ha detto de Nigris – desidera impegnarsi concretamente ad essere parte integrante del territorio in cui opera, nel pieno rispetto e supporto dell’operato eroico di don Maurizio Patriciello”.

“Riconosciamo che don Maurizio necessita di una struttura attiva e impegnata, non facile da reclutare, di veri e propri “giocatori” piuttosto che semplici “tifosi”.

 

È fondamentale, soprattutto in questo periodo, agire in modo proattivo e concreto. Riconosciamo la profonda delicatezza delle tematiche affrontate, che richiedono attenzione e sensibilità nell’approccio”.

Il primo incontro ha visto la partecipazione numerosa delle aziende locali e del consorzio di secondo livello, con il quale è stato concordato di proseguire su molte delle tematiche precedentemente affrontate; il fine ultimo è la riqualificazione del territorio caivanese, più volte colpito negativamente da temi di carattere sociale.
In particolare, di primo piano resta il recupero della zona del Parco Verde, tristemente oggetto anche recentemente di casi di cronaca. Per far ciò è importante la promozione di programmi di sviluppo comunitario, sociale ed educativo.

È stato promosso anche un progetto di “Networking con APL”, che ha come mission il favorire l’employability e la learnability delle persone che incontrano maggiori difficoltà ad accedere al mondo del lavoro e che vivono in un contesti sociale e personale di difficoltà; il tutto si sostanzia nell’erogazione da parte dell’APL di un corso dedicato e mirato alla formazione delle risorse.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here