Cultura e solidarietà: sarà devoluto in beneficenza il ricavato del nuovo libro di Carmine Zamprotta dal titolo “Il ventre oscuro di Napoli”

0
395

Quando la cultura si “trasforma” anche in solidarietà. E’ il caso del nuovo libro di Carmine Zamprotta, sociologo e giornalista, dal titolo “Il ventre oscuro di Napoli” (edito dalla nota casa editrice caivanese Lfa Publisher), che devolverà i proventi a favore dei bambini di un orfanotrofio delle Filippine.

In questo volume Zamprotta affronta, in maniera lucida e determinata, il tema della pedofilia e degli abusi ai danni dei minori e delle donne, soprattutto immigrate, fenomeno che si dipana in un fosco panorama di degrado sociale, come quelle di diverse periferie, non soltanto italiane, dove la malavita muove le fila di diversi affari di natura illecita e dove lo stato è assente.

Dunque l’autore, partendo da una serie di gravi fatti di cronaca, analizza numerosi avvenimenti accaduti negli anni precedenti.

La storia ha inizio con l’improvvisa sparizione di un bambino, che vive in una delle tante aree poste ai margini delle moderne metropoli. E proprio in queste zone, l’attivismo di alcuni sacerdoti, come il parroco del rione, si scontra con l’omertà della maggioranza dei residenti, un muro che impedisce qualsiasi forma di dialogo e che non si sgretola neanche di fronte ad accadimenti gravi, come un rapimento ed un omicidio.

Anche in questo romanzo, emergono le figure del vice questore Annunziata e del suo giovane amico giornalista Matteo, compagni di strada che ancora una volta si ritrovano insieme, inseguendo, parallelamente, gli indizi raccolti nel corso dell’indagine che li accomuna di nuovo.

Nel racconto non manca una svolta tragica, determinata dal ritrovamento, dopo alcuni giorni, del corpo martoriato della piccola vittima, scomparsa alcuni giorni prima. L’inchiesta porterà alla ribalta il coinvolgimento, in questa tragica storia, di un vecchio camorrista, posto all’indice da parte del clan di appartenenza e relegato in una zona posta ai margini della città, lontano dagli affari che contano.

Le voci sul suo passato, delle troppe attenzioni nei confronti dei bambini, lo costringono ad allontanarsi dai vertici della famiglia malavitosa dove è cresciuto. Questi fatti di violenza sembrano sedimentati nelle coscienze delle persone che abitano nelle periferie, cittadini considerati di serie B ed assuefatti ad ogni forma di violenza e degrado, alle sopraffazioni che subiscono quotidianamente.

L’omicidio del bambino porterà alla luce nuove piste, che si intrecceranno con i principali affari della camorra: dallo sfruttamento delle donne immigrate nel settore della prostituzione, alla vendita di neonati, senza dimenticare il fiorente traffico d’armi che intercorre con i paesi dell’est europeo, lucrosi affari sanciti da un’inedita alleanza tra la camorra partenopea e la ndrangheta calabrese.

Ancora una volta, dove non arriva la giustizia, a dirimere ogni controversia, interviene il clan, pronto a punire l’autore del tragico omicidio, in modo da riportare ordine tra le proprie fila e dare un esempio a chi non rispetta le regole. Zamprotta, anche in questo racconto, punta il dito contro una camorra pervasiva, che riesce a coinvolgere nei propri affari diversi strati della popolazione.

Previous articleIl commissario Ciciliano non perde tempo! La prossima settimana iniziano i lavori al Parco Verde
Next articleCaivano piange Lucio Righetti, domani i funerali celebrati da Don Maurizio Patriciello
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here