Caivano Rinasce, domenica l’evento a Palazzo Capece

0
841

Caivano – “Caivano, parole e colori per fa rinascere la città”. E’ il nuovo progetto messo in campo dall’associazione “Sveglia Caivano” che punta a consolidare il senso di appartenenza ed il valore delle radici.

L’evento alla sua prima edizione si svolgerà all’interno dello storico Palazzo Capece – struttura ottocentesca che prima di divenire proprietà dei Capece era una stazione di posta – nel centralissimo corso Umberto I che si trasformerà in una sorta di laboratorio artistico e culturale.

L’appuntamento è fissato per domenica 17 dicembre a partire dalle ore 16.30 allorché vi sarà l’accoglienza dei partecipanti, con figuranti in abiti d’epoca. A seguire si procederà con la visita guidata degli ambienti che si concluderà con il percorso tra le opere esposte nella mostra pittorica dell’artista Mattia Fiore e quella fotografica di Lello Fusco.

Alle 18.00 spazio alle “parole” e alla musica con la presentazione di quattro libri di altrettanti autori caivanesi. In particolare, Alfredo Giraldi (N.N. Napoli Nord), Giuseppe Bianco (L’infinita storia delle piccole cose), Anna Faiola (Ho chiesto rifugio al mondo), Chiara Imbimbo (Lasciami andare).

A discutere con gli autori saranno rispettivamente: Antonio D’Ascoli, Angela Visone, Mena Ambrosio (Presidente associazione Sveglia Caivano), Elisabetta Nadia Peschechera.

Il salotto culturale sarà intervallato da momenti musicali a cura della Periferic Quartet Swing.

Ospite d’eccezione della manifestazione, don Antonio Loffredo, parroco del rione Sanità che in questi anni ha portato avanti il progetto di valorizzazione delle catacombe partenopee, sviluppando una cooperativa costituita da giovani del posto che hanno accompagnato in loco migliaia di visitatori. Un modello che sarà testimoniato anche a Caivano per valorizzare inclusione, competenza, amore per il territorio, divenendo anche un’ opportunità di crescita e di sviluppo. La manifestazione gode del patrocinio della Città Metropolitana, del Consorzio CSA ASI Caivano, dell’Accademia Italiana Arte e Letteratura – della corrente Pittorica Effettismo

Dopo Palazzo Marchesale, dove da anni organizziamo il Premio Caivano– afferma Nino Navas, fondatore e anima dell’associazione Sveglia Caivano – ci apprestiamo a far sì che la comunità riscopra un altro suo pezzo di storia e di identità. Si può guardare al futuro solo se si conosce il proprio passato, perché si ama ciò che si conosce e si conosce ciò che si ama. L’invito è aperto a tutto con ingresso libero” .

L’iniziativa punta a coinvolgere soprattutto i giovani attraverso la letteratura ed il linguaggio dell’arte. Nel corso di questo mese di dicembre si punta anche a replicare un’ altra giornata simile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here