“Università Svelate”: visite guidate e lezioni aperte al “Suor Orsola Benincasa”

0
396

Dai Musei aperti al restauro in diretta: ecco la prima Giornata nazionale delle Università italiane nell’Ateneo napoletano del Suor Orsola Benincasa. 

Tre musei, tre chiese, numerosi giardini (tra cui lo splendido giardino botanico dei “Cinque Continenti”), una pinacoteca, biblioteche antiquarie, archivi storici, collezioni di sete, di spartiti musicali, di porcellane e di stampe.

E così mercoledì 20 marzo 2024, in occasione della prima giornata nazionale delle Università italiane, dedicata al tema “Le Università svelate”, l’intero patrimonio storico artistico dell’antica cittadella monastica di Suor Orsola è stato “in mostra” gratuitamente per visite guidate, lezioni aperte, conferenze ed altri eventi.

L’iniziativa, ideata dalla CRUI, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane con il patrocinio del Ministero dell’Università e della Ricerca, ha coinvolto finora quasi 80 Atenei italiani. Piatto forte del programma di iniziative programmate dal Suor Orsola, con il coordinamento scientifico del Manager didattico Natascia Villani, saranno i “Musei aperti”. Al mattino doppia visita guidata alle 10 e alle 12 al Museo Pagliara (nel quale tra i ‘gioielli’ della collezione ci sono le Stimmate di San Francesco di El Greco, le sculture di Gemito e i dipinti napoletani del ‘600, da Bernardo Cavallino a Luca Giordano) e al Museo dell’Opera Universitaria che proprio quest’anno festeggia i 20 anni dalla sua apertura progettata per raccogliere dipinti, sculture, oreficerie e paramenti provenienti quasi tutti dalla cittadella monastica fondata alla fine del ‘500 da Suor Orsola Benincasa. Un patrimonio storico e artistico (con opere di Ribera, Onofrio Palumbo, Girolamo Imparato, Giacomo Colombo, solo per citarne alcuni) che restituisce la storia e le storie dell’Eremo e la figura di questa celebre mistica dell’età della Controriforma.

Nello stesso corridoio del Museo dell’Opera Universitaria è stato possibile visitare la mostra “Formare a Napoli, 1895-1915. Maria Antonietta Pagliara, la principessa di Strongoli, la didattica e la produzione delle ceramiche e dei gessi nei laboratori del Suor Orsola Benincasa” a cura di Tonia Illiano, con il coordinamento scientifico del professor Pierluigi Leone de Castris. L’esposizione ha offerto un saggio del vasto patrimonio di oltre settecento manufatti in gesso, terracotta e ceramica dipinta conservati presso l’Istituto Suor Orsola Benincasa di Napoli e qui prodotti tra la fine dell’Ottocento e gli anni Venti del Novecento, sulla scorta dell’innovativo modello didattico impresso a partire dal 1895 alle Scuole e al Magistero universitario di quest’ultimo Istituto dalla principessa di Strongoli, Adelaide del Balzo Pignatelli (1843-1932).

Il restauro in diretta

Nel corso della Giornata nazionale delle Università Italiane al Suor Orsola si è assistito dal vivo al lavoro di restauro, che si svolge nei laboratori di restauro dei dipinti, del legno e dei metalli preziosi che quotidianamente sono la ‘palestra’ didattica degli studenti del Corso di laurea magistrale in Conservazione e restauro dei beni culturali, uno dei pochissimi in Italia direttamente abilitante alla professione del restauratore.

Lezioni aperte

L’antropologo Marino Niola, il costituzionalista Tommaso Frosini, l’autore televisivo Stefano Balassone e la giurista Lucilla Gatt sono stati alcuni dei docenti protagonisti del fitto programma di “Lezioni aperte”, ideato dal Suor Orsola per la Giornata nazionale delle Università Italiane. Nel Dipartimento di Scienze umanistiche si è assistito alle lezioni di Beni culturali e Turismo 4.0 e di Internet e new media, che rappresentano alcuni degli insegnamenti più innovativi del Corso di laurea triennale in Scienze dei beni culturali: turismo, arte, archeologia. Nel Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche spicca la lezione di Diritto delle nuove tecnologie che è anche uno degli indirizzi di studio del Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, l’unico nel Mezzogiorno a numero programmato (aperto solo a 150 studenti).

Nel Dipartimento di Scienze formative, psicologiche e della comunicazione, in aula magna con la professoressa Margherita Musello, durante la lezione aperta di Didattica generale, si è ricordato Cosimo Laneve, uno dei grandi maestri della pedagogia italiana e poi si è assistito al lavoro di “Redazione giornalistica”, curato dallo storico giornalista Rai Pier Luigi Camilli e dall’editorialista del Corriere della Sera, Marco Demarco.

I valori della Costituzione nel pensiero e nell’opera di Don Milani

Tra gli appuntamenti più importanti della giornata nazionale delle Università Italiane al Suor Orsola  anche il convegno dedicato al tema “I valori della Costituzione nel pensiero e nell’opera di Don Milani”. “Nella giornata delle Università è diventato particolarmente rilevante mettere al centro le persone più a rischio, quelle più deboli e meno attrezzate per far fronte alle sfide del quotidiano vivere e trovare il proprio posto all’interno della società”. Così il sociologo Ciro Pizzo, direttore del SAAD, il Servizio di Ateneo per le Attività degli studenti con Disabilità e DSA, evidenzia uno degli obiettivi dell’iniziativa organizzata insieme con numerosi enti ed associazioni del territorio.

Diventare insegnanti

La giornata nazionale delle Università Italiane al Suor Orsola si è conclusa nella Sala degli Angeli con uno degli appuntamenti più attesi. Una sorta di “question time” sulle ultime novità normative e didattiche all’interno dei percorsi di laurea e di alta formazione post laurea per diventare insegnanti. Docenti ed esperti del Dipartimento di Scienze formative, psicologiche e della comunicazione illustreranno tutti i percorsi di formazione degli insegnanti, dal Corso di laurea in Scienze della formazione primaria, alla formazione per gli insegnanti della scuola secondaria (Corsi di laurea in Scienze dell’educazione e Scienze pedagogiche, i “60 CFU” e i numerosi Master). Un focus speciale sui percorsi per l’acquisizione dei 30 CFU per i quali è appena stato pubblicato il bando con iscrizioni aperte fino al 2 aprile 2024 (https://www.unisob.na.it/universita/dopolaurea/tfa/pef30cfu_01.htm?vr=1).

 

 

Previous articleMiss Mondo fa tappa a Caivano nelle suggestive sale di Palazzo Marchesale
Next articleLo Stato a Caivano non può abbandonare chi ha bisogno di aiuto!
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here