Al Suor Orsola il ricordo di Maria Calì, una grande Maestra della Storia dell’arte italiana  

0
313

Maria Calì, ancora negli ultimi mesi, ricordava con molta nostalgia gli anni fecondi trascorsi al Suor Orsola, un contesto nel quale aveva trovato stimoli rilevanti per la sua produzione scientifica e aveva proficuamente lavorato nel forgiare una nuova generazione di storici dell’arte che ne hanno particolarmente apprezzato il rigore scientifico e didattico e il non comune senso di giustizia e di responsabilità civile”.

Così sui canali social dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli (www.facebook.com/unisob) il Rettore Lucio d’Alessandro ricorda la storica dell’arte Maria Calì, classe 1930, origini siciliane e natali abruzzesi a L’Aquila, scomparsa a Roma da pochi giorni.

Professore ordinario di Storia dell’Arte moderna dell’Università degli Studi di Salerno dal 1988 al 2000 e docente della medesima disciplina nel corso di laurea in Conservazione dei beni culturali all’Università Suor Orsola Benincasa dal 1991 al 2011, Maria Calì si è autorevolmente distinta nello studio della pittura del Cinquecento in Italia, come attestano i libri e i diversi contributi pubblicati su riviste italiane e straniere concentrati in particolare sui rapporti intercorsi tra gli artisti e la Controriforma e la Riforma cattolica. Basti ricordare lo splendido volume del 1980 “Da Michelangelo a l’Escorial. Momenti del dibattito religioso nell’arte del Cinquecento”, pubblicato tra i Saggi Einaudi, o gli articoli dedicati ad alcuni tra i protagonisti di quel secolo, da Lorenzo Lotto al Pordenone, da Pellegrino Tibaldi a Daniele da Volterra, da Luca Cambiaso a El Greco.

Esattamente dieci anni or sono l’Università Suor Orsola Benincasa aveva organizzato un convegno di studi in suo onore in occasione della presentazione del volume a cura di Stefano De Mieri “Confronto. Studi e ricerche di storia dell’arte europea. Arte e storia, studi per Maria Calì” (Paparo Editore).

 

 

 

Previous articleStupri a Caivano: rigettata istanza di perizia per maggiorenne
Next articleAcquistare una moto: dalla scelta al finanziamento, guida passo passo
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here