UNIVERSITA’. Il cordoglio del Suor Orsola Benincasa per la scomparsa di Renato De Fusco, grande Maestro della storia del design

0
232

“All’interno del nostro Corso di laurea in Scienze dei beni culturali resta, indelebile il magistero di Renato De Fusco (nella foto di copertina) fino a pochi giorni orsono decano degli storici dell’architettura napoletana e grande maestro della storia del design che è stata anche la sua cattedra all’Università Suor Orsola Benincasa nei primi anni del duemila. Ai suoi studi nei prossimi giorni si richiameranno numerose delle nostre lezioni del Dipartimento di Scienze umanistiche per trasmettere il suo insegnamento anche ai più giovani”.

E’ il messaggio sui canali social dell’Ateneo napoletano del Rettore dell’Università partenopea, Lucio d’Alessandro, che ricorda Renato De Fusco, napoletano, classe 1929, professore emerito di Storia dell’Architettura all’Università degli Studi “Federico” II di Napoli.

“Sulle pagine del suo volume – Storia dell’architettura contemporanea (Edizioni Laterza, Bari 1974; riedito sino al 2004 e tradotto anche in spagnolo per H. Blume Ediciones, Madrid) – si sono formate intere generazioni di architetti italiani nelle aule della Facoltà di Architettura”, ricorda Pasquale Rossi, professore ordinario di Storia dell’architettura al Suor Orsola, dove preside il corso di laurea magistrale in Conservazione e restauro dei beni culturali. E proprio il professore Rossi evidenzia in De Fusco anche il tratto umano di “docente appassionato e carismatico sempre disponibile al dibattito e al confronto con gli allievi”.

Renato De Fusco è stata una personalità di riferimento assoluto dell’architettura napoletana e non solo. Dal 1964 ha fondato e diretto la rivista Selezione della critica d’arte contemporanea, dedicata all’architettura, al design e alla critica d’arte.  Tra le sue tante pubblicazioni si ricordano Il floreale a Napoli, (1959); Errico Alvino, architetto e urbanista napoletano dell’800, (1962); Storia dell’arte contemporanea (1983); Storia del design (1985); Storia dell’arredamento (1985). Ed in particolare all’interno della prestigiosa collana UTET Storia dell’arte in Italia: L’architettura dell’Ottocento (1980); L’architettura del Cinquecento (1981); L’architettura del Quattrocento (1984).

 

 

Previous articleDe Luca deride Don Maurizio Patriciello. Giorgia Meloni: “Io sono con te”
Next articleAl Centro Commerciale Campania una particolare dichiarazione d’amore
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here