Home Politica Paga il dirigente Peluso dei servizi demografici dopo la relazione della Prefettura,...

Paga il dirigente Peluso dei servizi demografici dopo la relazione della Prefettura, e gli altri?

1311
1
SHARE

La famosa relazione di 44 pagine del maggio scorso che segnò lo scioglimento del Comune di Caivano firmata dal Prefetto Pagano terminava così:

Pertanto, si sottopone quanto su esposto alle  valutazioni  della on. S.V. rappresentando che, per le circostanze  emerse,  appaiono, anche alla luce della più recente  giurisprudenza,  configurarsi  le condizioni per l’adozione del  provvedimento  di  scioglimento  degli organi elettivi, ai sensi dell’art. 143 del  decreto  legislativo  n. 267/2000 ed, inoltre, per l’adozione  dei  provvedimenti  di  cui  al quinto comma del citato art.  143,  per  i  funzionari  omissis  onde assicurare la cessazione di ogni pregiudizio  al  buon  andamento  di quella pubblica  amministrazione  e  ricondurre  alla  normalità  la gestione dell’ente.

Nulla si è mosso

Come già denunciato qualche settimana fa vi era continuità tra l’operato dei commissari e quello della vecchia amministrazione, ma qualche giorno fa forse si è raggiunto il colmo.

Pare che Caivano fosse finita sotto la lente della Prefettura di Napoli per la mancata sostituzione di alcuni funzionari citati nella relazione che il Commissario Straordinario Vincenzo De Vivo ha quasi preso come fiduciari.

Gli stessi Funzionari che da Settembre 2017 sono stati riconfermati come Responsabili di Settore benché accusati di tutto e di più, si sono dimostrati inossidabili nel tempo e impermeabili ad ogni provvedimento.

Una tempesta in un bicchier d’acqua

Adesso invece dopo le sollecitazioni della Prefettura di Napoli, la Commissione straordinaria costituita dal Dott. Vincenzo De Vivo, Dott. Roberto Andracchio e dal Dott. Vincenzo Amendola sembra scuotersi dal suo sonnolento torpore. Ma è solo apparente perchè la rivoluzione non c’è e a pagare in questa tornata è il Dott. Angelo Peluso il quale è stato estromesso dal suo incarico, che va ad aggiungersi al Dott. Vito Coppola che è stato estromesso da ogni incarico a partire da aprile 2017.

Chi auspicava qualche rivoluzione Copernicana è rimasto deluso perchè a pagare è stato il dirigente dei servizi demografici, un settore per nulla attenzionato.

Scelta discutibile che potrà avere un seguito

Come abbiamo scritto qualche settimana fa, Caivano è attenzionata e da lontano. Alcune scelte poco chiare potrebbero costare caro ai commissari che potrebbero anche a breve essere allontati.

SHARE
Previous articleEsclusiva. Intervista a Don Salvatore Verde: “Voglio solo che emerga la verità”
Next articleAllerta meteo, pioggia e temporali in arrivo per tutta la Campania
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

1 COMMENT

  1. È sempre piacevole leggere i Suoi articoli; sono chiari, esplicativi e diretti. Sono d’accordo con Lei che.Caivano “merita di più”, ma se non si distrugge in modo definitivo il personale, i responsabili ed i governanti, anche gli ultimi, Caivano non potrà mai risorgere, perché è “la qualità” inesistente.Chi vuol fare, è distrutto; chi fa, è sottoposto a “compromessi”; chi promette lavoro tramite nuove realizzazioni viene fermato. Cosi non si andrà da nessuna parte
    P.S. l’email che Le sto inviando non dovrà essere per nessuna ragione pubblicata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here