Home Cronaca Caduta la storica targa in marmo di via Buonfiglio

Caduta la storica targa in marmo di via Buonfiglio

701
0
SHARE

Si attende, ormai, da anni il ripristino del castello medioevale di Caivano. Inultile raccontare, o narrare, quello che è accaduto negli ultimi anni.

Dal finanziamento ottenuto, dai lavori iniziati, dai diversi direttori dei lavori cambiati, dalle fatture pagate per lavori mai effettuati al blocco totale di tutta la struttura.

L’incuria però non riguarda solo la parte interna del castello, ma anche tutta quella esterna dove viene svolta la manutenzione occasionale.

Nei giorni scorsi la targa in marmo dedicata allo storico ex sindaco di Caivano Vincenzo Buonfiglio (dal 1870 al 1873 e dal 1883 al 1889 e dal 1889 al 1892) è caduta dal muro di cinta del castello installata negli anni ’30 e distrutta.

dove era posizionata la lastra

Questo avvenne dopo che il regime fascista nel 1931 impose l’obbligo ai podestà di intitolare una via non secondaria «via Roma» e a Caivano ciò avvenne con delibera del Podestà n 287 del 7 agosto 1931. Pertanto via Buonfiglio diventò via Roma e di ripiego al Comm. Buonfiglio fu intitolata la strada a lato del castello.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleEnio Dentale, il grido di libertà di un disegnatore di Caivano
Next articleOperazione Piazza Pulita. Clan Sautto-Ciccarelli, arrestati tre esponenti
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here