Cadavere tra i rifiuti a Caivano

0
3928

Caivano. Un cadavere tra i rifiuti appena scaricati da un grosso autocompattatore nel piazzale di vagliatura dei rifiuti dell’azienda di igiene urbana ” Di Gennaro”, ubicata nella zona Stir di Caivano.

Il corpo di un uomo, tra i 30 e i 40 anni, o meglio quello che ne restava, è stato notato dagli operai che si apprestavano alle operazioni di vagliatura di una vera e propria montagna di rifiuti urbani, scaricati da una decina di autocompattatori negli ultimi tre giorni. L’allarme è stato immediato.

Sul posto gli agenti del commissariato di Afragola, diretto dal vice questore Sergio Di Mauro. Il corpo dello sconosciuto, di razza bianca, con ancora indosso un giubbino colorato, dai primi rilievi effettuati sul posto, presentava una profonda ferita lacero contusa alla fronte, ma senza evidenti segni di perdita di sangue, circostanza che induce gli inquirenti a ritenere che possa essere stata causata al momento delle operazioni di svuotamento di uno degli autocompattatori.

E poichè il piazzale dove si effettua la vagliatura, viene liberato ogni due – tre giorni, al momento non è stato possibile individuare quale autocompattatore abbia trasportato questo carico di orrore.

Mentre si continua ad indagare spuntano due piste: quella di una orribile vendetta della camorra o quella più angosciante della morte di un clochard che avrebbe trovato riparo nei cassonetti dei rifiuti passando dal sonno alla atroce morte.

Il Mattino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here