La corte dei Conti chiede l’incandidabilità di 7 politici e rimborso economico

0
3501

Nuovo terremoto politico a Caivano. Chiesta sanzione di oltre 250mila euro e lo stop agli incarichi negli enti locali per 10 anni a sette persone, tra cui l’ex sindaco Antonio Falco e i diversi assessori della sua giunta, nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura Regionale, presso la Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Campania

Per dieci anni non potranno ricoprire incarichi di assessori, di revisore dei conti di enti locali e di rappresentanti di enti locali, rientrando nella lista degli “incandidabili”. 

I provvedimenti della Procura regionale della Corte dei Conti della Campania riguardano l’ex sindaco Antonio Falco, per il quale si chiede la condanna al pagamento di 69.205,2 euro mentre si chiede la condanna al pagamento di 31.142,4 euro per gli ex assessori Francesco Casaburo, Bartolomeo Perna, Enzo Pinto e Vincenzo Semonella, Antonio De Rosa e Giulio Di Napoli.

A gennaio 2024, ci sarà l’udienza pubblica di discussione del ricorso. 

 

Le indagini

I fatti risalgono al periodo tra il 2006 e il 2015, che avrebbero portato al dissesto finanziario del Comune di Caivano, deliberato poi dal Consiglio comunale nel 2016 il 18 giugno 2016, dall’ex sindaco Simone Monopoli (delibera consiglio comunale n. 38/2016).

I sette avrebbero creato un terreno favorevole allo sviluppo della criminalità organizzata. Le complesse ed articolate indagini delegate dalla Procura – pubblici ministeri Licia Centro e Davide Vitale – assistite da copiosa documentazione contabile raccolta agli atti e da consulenze tecniche specialistiche, hanno consentito, all’esito di un lungo percorso istruttorio iniziato nel 2016 al momento della ricezione della delibera di dissesto trasmessa dal Segretario generale del comune, di suffragare l’ipotesi di responsabilità, ora sottoposta al vaglio della locale Sezione giurisdizionale, dei suddetti amministratori locali.

Condotte scriteriate e disinvolta gestione dei soldi pubblici

Nella ricostruzione del requirente pubblico, gli stessi, con le loro condotte scriteriate e la disinvolta gestione dei soldi pubblici, avrebbero condotto al tracollo finanziario un ente locale già afflitto da svariate ed incancrenite problematiche gestionali, creando un terreno favorevole allo sviluppo della criminalità organizzata ed alimentando un generale clima di illegalità, recentemente balzato, anche per altri, spesso consessi episodi, agli orrori della cronaca.

Residui attivi inesistenti, massiccia mole di debiti fuori bilancio

Dalle pagine del ricorso con cui è stata contestata agli ex amministratori dell’ente di avere causato il dissesto con le loro condotte scriteriate, gravemente colpose, emerge come i bilanci, approvati dalla compagine amministrativa oggi convenuta in giudizio, fossero caratterizzati dalla esposizione di residui attivi inesistenti, che alimentavano una fittizia capacità di spesa, da una massiccia mole di debiti fuori bilancio, frutto di una gestione degli appalti improntata alla illegalità, come accertato anche dall’ANAC in una indagine amministrativa concomitante, con una totale assenza di qualsiasi provvedimento atto e/o direttiva volto a sanare le rilevantissime criticità contabili, tra cui spicca anche la bassissima capacità di riscossione delle entrate, sensibilmente inferiore alla media nazionale.

Gestione degli alloggi di ERP del Parco Verde

Alcuni degli amministratori oggi chiamati in causa, risultano peraltro essere già stati oggetto delle attenzioni della Procura contabile con riferimento alla incresciosa vicenda della gestione degli alloggi di ERP del “Parco Verde “ vicenda oggetto di una ponderosa ed ampiamente motivata sentenza di condanna della locale sezione giurisdizionale laddove si evidenziano soprattutto le condotte ed il ruolo dell’ex Sindaco, dominus di un sistema di illegalità nella gestione complessiva dell’ente, che si specchiava in bilanci contrastanti con le più elementari regole della contabilità, ed in primis, con i principi di veridicità e prudenza nella formazione dei bilanci pubblici.

Condannati a pagare 20 volte in più l’importo dell’indennità di carica da sindaco… 

All’esito della capillare ricostruzione delle condotte e del loro impatto causale sul tracollo finanziario dell’ente, la Procura ha chiesto per gli ex amministratori convenuti, la condanna alla sanzione pecuniaria prevista dalla normativa sui dissesti pubblici nella misura massima possibile, vale a dire 20 volte l’importo della indennità di carica da ultimo percepita dal Sindaco e dagli assessori chiamati in giudizio.

L’applicazione di detto criterio ha portato alla richiesta di applicazione di sanzioni pecuniarie per un ammontare complessivo di euro 256.059,60 oltre alla richiesta di applicazione, per tutti, della sanzione interdittiva di cui all’art. 248 del TUEL, comma 5, la quale prevede l’impossibilità di ricoprire, per un periodo di dieci anni, incarichi di assessore, di revisore dei conti di enti locali e di rappresentante di enti locali presso altri enti, istituzioni ed organismi pubblici e privati.

L’ udienza pubblica di discussione del ricorso sarà celebrata nel Gennaio 2024.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here