L’EVENTO. Al via il convegno internazionale sulla “Magna Grecia” nel secondo dopoguerra

0
379

Semaforo verde per il forum sul tema “Magna Grecia nel secondo dopoguerra tra scoperte e tutela: politiche culturali e protagonisti. Omaggio a Juliette de La Genière“.

Una due giorni in programma a Napoli il 27 e 28 novembre 2023 (inizio ore 9.30), presso la chiesa del Complesso Monumentale dei SS. Marcellino e Festo (Largo San Marcellino).

Il forum richiama l’attenzione sulle politiche culturali riguardanti il patrimonio archeologico della Magna Grecia nel corso della seconda metà del Novecento. Si tratta di anni che hanno visto profonde trasformazioni, sia nel campo della ricerca sia nel campo delle idee e delle pratiche relative alla gestione e alla valorizzazione dei beni culturali dell’Italia meridionale e della Sicilia.

L’incontro è dedicato alla memoria di Juliette de La Genière, che è stata una protagonista della ricerca archeologica in Magna Grecia durante questi stessi anni. Ricordarla diventa occasione per riflettere sulla storia degli studi nella prospettiva di un confronto con le più recenti tendenze di analisi e tutela di un patrimonio di interesse mondiale.

Il simposio riunisce sia storici e archeologi, specialisti della Magna Grecia, di ambito nazionale e internazionale, sia rappresentanti istituzionali dei beni culturali dell’Italia meridionale e della Sicilia, proprio per discutere insieme sullo stato degli studi nello scenario culturale e politico della vita contemporanea, dove si tratta di distinguere ma non separare ricerca, tutela e promozione del territorio.

L’incontro è stato organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, con la responsabilità scientifica di Bianca Ferrara, e in collaborazione con il Centre Jean Bèrard di Napoli.

Le due giornate di studi si apriranno con i saluti del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi e del Rettore della Federico II, Matteo Lorito. Interverranno, tra gli altri, il professore emerito Arturo De Vivo,  Andrea Mazzucchi (direttore del Dipartimento di Studi Umanistici Federico II), Massimo Osanna, direttore Generale Musei del MiC, Luigi La Tocca (direttore generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Mic), Teresa Elena Cinquantaquattro (segretario regionale del MiC per la Campania),  Alessandro Naso, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II,  e Giampaolo D’Andrea, presidente dell’Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia (ANIMI).

Previous articleIl ministro Roccella in visita a Caivano per il 25 Novembre: “Alle vittime: mai più sole!”
Next articleLa Boys cade in casa della Sessana, ora occorre la svolta!
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here