Infermiera del 118 coinvolta in incidente stradale in tangenziale: ricostruito il volto con un intervento di chirurgia plastica ad elevata complessità

0
1096

Lo scorso 27 gennaio, sulla tangenziale di Napoli, una giovane infermiera in servizio presso il 118 cittadino è stata coinvolta in un gravissimo incidente stradale.

La donna è arrivata al Pronto Soccorso dell’ospedale “Cardarelli” in condizioni drammatiche, avendo subito un gravissimo trauma alla faccia che le aveva asportato molti tessuti muscolari ed ossei, oltre a grandi porzioni di pelle. Un primo intervento era stato eseguito dall’equipe del trauma center (nella foto), diretto da Patrizio Festa, per pulire i tessuti e garantire una prima pulizia delle ferite.

Già nelle giornate successive, tuttavia, la paziente è stata trasferita presso il reparto di chirurgia plastica dove, l’equipe guidata da Roberto D’Alessio insieme ai chirurghi del Maxillofacciale, coordinati da Maurizio Gargiulo, hanno studiato il caso, predisponendo un intervento ad altissima complessità.

 “L’intervento – spiega Roberto D’Alessio, direttore dell’UOC Chirurgia Plastica del Cardarelli ha previsto la ricostruzione dei tessuti muscolari e di quelli ossei di quasi tutta la porzione sinistra del viso, al fine di ridare forma a quell’area della faccia sinistra che era stata asportata dal trauma. Intorno al tavolo operatorio ha lavorato un’equipe di chirurghi guidati dal dottor Razzano e dal dottor Petroccione per oltre 13 ore, in modo estremamente collaborativo insieme ai colleghi chirurghi maxillofacciali, portando a termine un intervento di microchirurgia che ha permesso di ricostruire muscoli, ossa e la pelle del viso. È stata un’operazione ad altissima complessità estremamente atipica, sia per la gravità del trauma che per la tipologia di intervento effettuato”.

Nei prossimi mesi la paziente dovrà seguire un lungo percorso di riabilitazione che sarà fondamentale per riacquistare al meglio la funzionalità dei muscoli facciali.

Il reparto di Chirurgia Plastica del Cardarelli svolge un ruolo fondamentale sia per la gestione dei pazienti che hanno subito gravi traumi o ustioni, sia per la ricostruzione di tessuti a seguito di interventi oncologici. Ogni anno il reparto porta avanti oltre mille interventi ad altissima complessità, lavorando in equipe coi colleghi delle altre unità chirurgiche.

 

Previous articleIl Riesame dispone il dissequestro dei beni di un noto imprenditore Napoletano
Next articleIL RICORDO. Casalnuovo, don Maurizio Patriciello tra gli studenti del “Siani” nel ricordo del giovane Simone
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here