LA PREVENZIONE. Ospedale Cardarelli, un appello per la Pasquetta: “Non usate alcol per barbecue o fuochi, si rischia la vita”

0
587

Nel 2023 la terapia Intensiva Grandi Ustionati del Cardarelli ha fatto registrare 30 feriti gravissimi e 6 morti per combustione da alcol. Il giorno di Pasquetta è sempre particolare per la Terapia Intensiva Grandi Ustionati del Cardarelli, il Centro di riferimento regionale cui afferiscono pazienti anche da fuori regione.

In questa giornata, infatti, tradizionalmente arrivano pazienti in condizioni molto gravi, a causa di ustioni estese e profonde causate dalla combustione di alcol, utilizzato impropriamente per accendere fuochi o barbecue. Nel 2023 durante tutto l’anno sono stati 30 i feriti gravi che sono stati accolti dal reparto grandi ustionati a causa di combustione dovuta all’accensione di fuochi con sostanze infiammabili e in 6 casi le condizioni erano così gravi da causarne la morte.

Dice Romolo Villani, primario del reparto Terapia Intensiva Grandi Ustionati del Cardarelli“La Pasquetta è sempre un momento di grande gioia e spensieratezza che avvicina le famiglie e gli amici, ma basta una sciocchezza come l’utilizzo dell’alcol sulle fiamme per causare gravi danni permanenti e, in alcuni casi, la morte.  Lo scorso anno il 30% dei pazienti che abbiamo trattato nel nostro reparto erano arrivati da noi a causa di un utilizzo improprio dell’alcol per accendere fuochi o barbecue. La pratica di spruzzare alcol sulle fiamme o anche su dei carboni che paiono non in combustione è rischiosissima. Per questa ragione, anche quest’anno abbiamo deciso di fare un appello pubblico a non usare alcol o infiammabili per accendere fuochi o babercue. Basta un attimo per rovinare una vita.”

Il Reparto di Terapia Intensiva Grandi Ustionati è centro di riferimento regionale e assicura servizi per il trattamento dei grandi ustionati anche ad altre regioni italiane. Il lavoro del reparto si svolge in stretta collaborazione con l’UOC di chirurgia plastica ricostruttiva.

 

Previous articleLa scrittrice Nadia Peschechera proclamata autrice dell’anno 2024 “LFA Publisher”
Next articleAffittavano la casa al boss Angelino, padre e figlio ai domiciliari
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here