Home Cronaca Santuario di Campiglione, il campanile rischia il crollo…

Santuario di Campiglione, il campanile rischia il crollo…

1754
0
SHARE

Il Santuario di Maria S.S. di Campiglione rappresenta un bene architettonico dal valore inestimabile nel nostro paese. Purtroppo le condizioni strutturali dell’edificio versano in uno stato di abbandono, nonostante i continui appelli fatti da Padre Cosimo Pagliara alla Sopraintendenza del Ministero dei beni e delle attività culturali, per una vera e propria opera di ristrutturazione. La facciata esterna della Chiesa presenta le maggiori criticità, a partire dal campanile. Già sono stati messi in sicurezza i fregi decorativi, ma non bastano i piccoli interventi, occorre un’opera totale di manutenzione.

Riuscire ad ottenere dei fondi per i lavori destinati ai beni pubblici è un’impresa assai ardua, e col tempo, la situazione potrebbe degenerare.

Le torri campanarie rischiano il crollo

Sono proprio le torri campanarie poste ai lati della facciata ad avere bisogno di interventi urgenti di messa in sicurezza e ricostruzione. Ecco la condizione in cui si trova il primo campanile a destra della facciata (FOTO 1).

E’ palese come la torre sia fatiscente. Infatti, per motivi di sicurezza, ovvero per proteggere la parte interna dell’edifici – nel caso di un possibile crollo – è stata installata una copertura in ferro per proteggere la parte anteriore del solaio (FOTO 2).

FOTO 1
FOTO 2

 

L’appello rivolto agli imprenditori di Caivano

Facendo un giro all’interno del Santuario, anche gli affreschi purtroppo sono in uno stato di abbandono. Ci sarebbe da rinfrescare gli intonaci, ma i lavori di restauro sono davvero onerosi.

Cosa fare allora per mettere almeno in salvo la struttura?

L’appello è rivolto a tutti gli imprenditori di Caivano che abbiano a cuore la riqualificazione del Santuario di Maria S.S. di Campiglione per accettare di fare dei lavori di ristrutturazione. 

L’urgenza è di mettere in salvo le torri campanarie della facciata esterna. 

 

Chiunque potrà mettere a disposizione:

  • MATERIALE EDILE
  • LAVORO MANUALE
  • CONTATTI CON DITTE EDILI
  • FINANZIAMENTI  E DONAZIONI

L’appello è di Padre Cosimo Pagliara, che dopo aver chiesto sovvenzioni a diversi enti una collaborazione (senza ottenere risposte concrete) chiede un contributo agli imprenditori di Caivano. E’ proprio dall’unione di diverse forze che nascono le azioni costruttive più importanti.

Laddove i fondi pubblici non arrivano, speriamo che quelli privati possano “risanare” il Santuario. La sfida è aperta, adesso si aspettano i consensi.

Per chi è interessato può recarsi al Santuario o anche contattarci on line sulla nostra pagina Facebook, inviandoci un messaggio. 

 

Condizioni attuali del Santuario di Campiglione

SHARE
Previous articleCaivano sempre più la città del cornetto Algida di qualità
Next articleTalità Kum Cup, quattro giornate al termine della regular season
Enza Angela Massaro
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger, social live strategist. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con Capri Event per interviste e servizi. Blogger Fanpage. Nel tempo libero si concede un po' di shopping e qualche serata tra gli amici. Nel tempo riflessivo si dedica alla lettura di saggi di psicologia e alla visione di film impegnati. Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here