Home Cronaca Terminata l’emergenza rifiuti, ma qualcuno voleva mettere in ginocchio la Commissione

Terminata l’emergenza rifiuti, ma qualcuno voleva mettere in ginocchio la Commissione

1968
0
SHARE
Da oltre 24 ore la situazione a Caivano è tornata alla normalità, zero rifiuti per le strade, ieri, quando comunque hanno lavorato sia la Buttol che la Balestrieri, neanche un blocco stradale, le due aziende hanno ripulito pure le vie più remote, adesso nessuno si può più lamentare.

A quale ditta ora affidare il delicato appalto?

Adesso la patata bollente è sempre nelle mani dei commissari, i quali devono decidere, e subito, se appaltare il servizio alla ditta seconda classificata alla gara europea espletata nel 2016 dall’amministrazione Monopoli, ovvero alla Tekra (stessa gruppo della Balestrieri), dell’ex responsabile dell’Igica Manganiello, guardacaso in settimana visto nei corridoi del Comune di via De Gasperi, oppure annullare la gara e scegliere una ditta dalla White List della prefettura, ipotesi che avrebbe più credito. Secondo indiscrezioni forse entro metà settimana già potrebbe avvenire il passaggio del cantiere.

Un piano per mettere in difficoltà il Comune?

Ma, dopo una settimana di emergenza, è tempo anche di riflessioni. E’ vero che la spazzatura è stata in strada per parecchi giorni e proprio nei giorni in cui sono giunte nelle case dei Caivanesi le salatissime quanto ingiuste bollette, ma è sembrato strano che i blocchi stradali – durante le precedenti cento emergenze fatti episodici – siano diventati sistematici, perchè mentre si puliva una strada subito se ne presentava un’altra off-limits per il pattume lanciato in strada. Non pochi certamente avevano interesse a mettere in difficoltà la commissione straordinaria, formata dai viceprefetti Mone e Cirillo e dal funzionario Andracchio, che infatti poi è stata convocata in prefettura per un incontro con il prefetto di Napoli Pagano, di cui non è trapelato stranamente nulla. Quindi, una storia di cui probabilmente bisognerà scrivere altri capitoli. I camion, inoltre, sono dovuti uscire con la scorta di Vigili Urbani, Carabinieri e Guardie Ambientali.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleDonna arrestata al Parco Verde con 130 grammi di cocaina
Next articleMade in Italy: a Milano un progetto per nascita filiera aceto
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here