UNIVERSITA’. “La grande bellezza” di coltivare i nuovi talenti del cinema italiano

0
304

Il produttore Nicola Giuliano a dieci anni dalla notte magica dell’Oscar racconta la formula didattica del successo della Scuola di Cinema e Televisione dell’Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli.

“Ero uno studente napoletano di giurisprudenza senza alcun aggancio nel cinema che non fosse la mia passione per il cinema stesso. Ho avuto la fortuna e la bravura di fare della mia passione un lavoro e se questa cosa è avvenuta lo devo al fatto di aver frequentato una scuola di cinema. Ecco perché oggi sono molto felice del mio impegno didattico con i giovani, perché insegnare è un vero e proprio atto restitutivo di ciò che si è ricevuto dai propri maestri”.

Dieci anni dopo la straordinaria emozione dell’Oscar per “La grande bellezza”, il produttore Nicola Giuliano, direttore del Master in Cinema e Televisione dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli (nella foto di copertina, sul palco degli Oscar con Toni Servillo e Paolo Sorrentino), racconta ai suoi allievi le emozioni di quel successo e il suo percorso professionale di successo che proprio quest’anno ha compiuto trent’anni dalla fondazione della Indigo film nel 1994.

L’occasione è uno dei tanti incontri che ha tenuto negli ultimi nove anni negli studi di produzione del Master in Cinema e Televisione dell’Università Suor Orsola Benincasa che dirige sin dalla sua fondazione nel 2015 e all’interno del quale coordina il lavoro di scrittura di nuovi soggetti per lungometraggi cinematografici. Un incontro un po’ più particolare ed emozionante degli altri perché avvenuto proprio nei giorni del decennale di quella straordinaria notte sul palco del Dolby Theatre di Los Angeles insieme con Toni Servillo e Paolo Sorrentino.

“Uno dei ricordi più belli – racconta Giuliano – è stato il lungo viaggio in aereo fatto con Paolo Sorrentino nel quale abbiamo ripercorso il nostro lungo viaggio professionale iniziato nel 2001 con “L’uomo in più”, il film che ha segnato l’esordio alla regia di Sorrentino”. Quelle esperienze professionali di successo oggi sono il punto di partenza delle sue lezioni universitarie. “E debbo dire che per i giovani – evidenzia Giuliano – oggi ci sono anche più opportunità di coltivare i propri sogni perché la rivoluzione digitale ha ulteriormente ‘democratizzato’ l’accesso al mondo cinematografico premiando ulteriormente il talento che ovviamente deve essere ben allevato, allenato e indirizzato proprio nei contesti formativi giusto come è quello accademico”.

Il talento degli allievi del Master in Cinema e Televisione del Suor Orsola Nicola Giuliano lo coltiva e lo allena soprattutto con una formazione molto attiva ‘on the job’.  Sotto la sua guida e con la supervisione dello sceneggiatore Andrea Garello (uno che ha scritto per Gabriele Muccino, Giovanni Veronesi, Gabriele Salvatores e Sydney Sibilia), gli allievi sono annualmente impegnati nella scrittura di cortometraggi cinematografici che vengono poi realmente girati dai giovani apprendisti registi, sceneggiatori e montatori del Master. Il Suor Orsola, all’interno della sua Torre della Comunicazione, produce, infatti, ogni anno almeno cinque lavori tra cortometraggi e puntate zero di format televisivi originali. Questi ultimi nascono sotto la guida di Massimo Cinque, storico autore Rai oggi in forza a “Domenica In”, Federica Baruffaldi, affermata producer televisiva (“Quattro Hotel”) proveniente da società importanti come Magnolia e Banijay, e Franco Bianca, regista televisivo di lungo corso (“L’isola dei famosi”, “Pechino Express”) che lavora con gli allievi nello studio televisivo professionale del Master.

“Fare per imparare – sottolinea il coordinatore scientifico Arturo Lando – è il ‘marchio di fabbrica’ del nostro Master. Un percorso virtuoso la cui efficacia è testimoniata dall’alta percentuale di placement dei nostri allievi tra cui spiccano, solo per citare alcune delle ultime esperienze, nomi già ‘illustri’ che hanno lavorato in questi anni sui set di alcuni tra i film di maggiore successo (da “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino a “Nostalgia” di Mario Martone) o sui set delle grandi fiction Rai come “L’amica geniale”.

Per informazioni: www.unisob.na.it/mastercinematv – www.mastercinematv.it

 

 

Previous articleClan Angelino, 13 misure cautelari per persone già in carcere e per un vigile di San Cipriano
Next articleLa storica distilleria “Petrone” si conferma leader anche nella solidarietà: donati duemila euro per il progetto di assistenza della Polizia di Stato “Marco Valerio”
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo, mentre nel settembre 2023 gli è stato assegnato il Premio di riconoscimento alla carriera della XXIV edizione "The Grand Award to Excellence", per la sezione giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here